/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 18 marzo 2020, 08:48

La scuola al tempo del Coronavirus, gli studenti e le video lezioni

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ormai sappiamo quasi tutti cosa sta accadendo oggigiorno in Italia, con la diffusione di questo nuovo virus, nato a Wuhan nel 2019, conosciuto come Coronavirus o COVID-19. Per tale ragione sono state chiuse le scuole in tutta Italia fino al 3 aprile. I docenti, per rispettare le ore obbligatorie, hanno optato per le videolezioni, nuovo metodo di studio per molti alunni. Queste videolezioni vengono organizzate e svolte dai professori su piattaforme online, come ad esempio Teams,applicazione ufficiale di Microsoft, durante quelle che dovrebbero essere le normali ore di lezioni scolastiche.

Stabilito l’orario, i professori avviano una videochiamata di gruppo, alla quale si può accedere direttamente o attraverso l’invio di un invito da parte del docente. A questo punto la lezione inizia e lo schermo viene suddiviso in massimo 4 finestre, dove vengono mostrati i volti delle persone che più partecipano alla conversazione, alternandosi così continuamente. La lezione così svolta ha molti vantaggi, perché introduce gli studenti al mondo del lavoro e delle videoconferenze, sempre più diffuse e utilizzate; permette, inoltre, di lavorare a distanza con altri compagni, avvicinando i singoli studenti all’uso dell’informatica digitalee favorendo la gestione autonoma dell’alunno. Non mancano,tuttavia, alcune difficoltà tecniche, dovute a problemi di rete, causati da server sovraccarichi, dato che questo sistema è utilizzato attualmente in gran parte dell’Italia.

Altre complicazioni riguardano problemi di accesso, sia al gruppo classe sia agli account scolastici personali o il mancato funzionamento di microfono o videocamera. Questo è comprensibile dato che si tratta di una situazione che nessuno si aspettava, ma tutti, nella nostra scuola, si stanno attivando per affrontare con successo la sfida attuale.

Andrea Manfredi e Jacopo Di Siena III A Liceo (Newsbiella Young) f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore