/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 14 febbraio 2020, 08:56

Su Nuraghe, ritorna il Carnevale dei bambini

Come ogni anno si rinnova l’atteso appuntamento con il Carnevale dei più piccoli, nella sala della biblioteca del circolo sardo di Biella.

Foto d'archivio

Foto d'archivio

Domenica 16 febbraio alle ore 15, nella sede di Su Nuraghe di via Galilei 11 a Biella, torna il Carnevale dei bambini.  Durante la festa, giochi, animazioni e regali per tutti. Anche quest’anno a orientare e guidare il divertimento dei più piccini saranno i bambini un po’ più grandi, sui 12/13 anni di età. Oltre alle attività di animazione - sfilata delle maschere, giochi con la musica, mosaico di coriandoli, pentolaccia ecc. - allieterà il pomeriggio di festa il tradizionale rinfresco (su cumbidu) preparato dai soci, a base di dolci sardi, quali cattas, zippulas, maraviglias e para frittus, e altre ghiottonerie “continentali” come bugie e castagnole.Il significato più antico del Carnevale è quello del mondo all’incontrario o capovolto, nel quale i ruoli della società si ribaltano: il padrone serve lo schiavo, le maschere ricevono le chiavi della città dal Sindaco, i bambini diventano responsabili e gli adulti sono liberi di impazzire per un breve periodo (semel in anno licet insanire, dicevano i latini – una volta all’anno è lecito smarrire la ragione).

Un momento di festa, dunque, ma anche di rinnovamento simbolico, durante il quale diviene lecita e indispensabile, per gioco o meglio per scherzo, la dissoluzione dell’ordine costituito. Solo temporaneamente, però, poiché alla fine di questo intervallo magico, nel quale tra l’altro sono i bambini a dettare le regole e gli adulti a imparare qualcosa da loro, si ritorna saggi, si rinsavisce... almeno fino al prossimo Carnevale.Per gli adulti accompagnare i bambini nel loro percorso di crescita, aiutarli a “diventare grandi”, significa sollecitarli a guardarsi intorno con occhi diversi, con maggiore profondità e anche più lontano. Significa insegnare loro, con l’esempio, che non è possibile – e nemmeno desiderabile – continuare a demandare agli altri le decisioni da prendere.

Per questo è ormai tradizione che durante il Carnevale dei bambini di Su Nuraghe siano i ragazzi con quell’età intermedia nella quale non si è più bambini e non si è ancora adulti, a orientare i più piccoli nei giochi e a insegnare ai più grandi quali sono le regole dello stare insieme: il sorriso, l’accoglienza, la condivisione.

Michele Careddu Su Nuraghe - f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore