/ CRONACA

CRONACA | 12 febbraio 2020, 19:09

Follia in via Gorei, la donna colpita dal ferro da stiro è ancora in prognosi riservata al Cto di Torino

Il convivente è stato dimesso dall'ospedale e ora si trova in via dei Tigli. Dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio.

Follia in via Gorei, la donna colpita dal ferro da stiro è ancora in prognosi riservata al Cto di Torino

E' ancora in prognosi riservata al Cto di Torino, Raffaella Salussoglia, la maestra di 58 anni vittima della follia del convivente Giancarlo Favero, la mattina di mercoledì 5 febbraio in via Gorei a Biella. La donna colpita da un ferro da stiro era stata sottoposta ad intervento chirurgico per la riduzione dell'ematoma. Il bollettino medico riporta che attualmente ha ferite importanti ma non è in pericolo di vita, Salussoglia è stazionaria ma restano cauti sull'evolversi dell'ematoma. La famiglia che si è rivolta all'avvocato Stefania Tosone, ha la massima fiducia nell'operato del sostituto procuratore Sarah Cacciaguerra. 

Giancarlo Favero, 67 anni pensionato, è stato dimesso lunedì mattina dall'ospedale e condotto nella casa circondariale di via dei Tigli a Biella, dopo il processo per direttissima che ne ha convalidato il fermo. Dovrà ora rispondere dell'accusa di tentato omicidio. Nella giornata di martedì 11 febbraio ha incontrato il suo legale Claudia Botto Steglia. E' scioccato e non si capacita di aver compiuto quel gesto. Appare sconvolto e incredulo. Appena ripresosi ha subito chiesto le condizioni della sua convivente. Difficile stabilire cosa sia successo la mattina di quel maledetto mercoledì 5 febbraio. A detta di molti suoi conoscenti, Favero sarebbe una persona mite. Avrebbe anche asserito di essere depresso, di dormire poco la notte e di assumere farmaci antidepressivi. Ma non ricorda nulla di quell'attimo, di aver scagliato il ferro da stiro sulla testa della sua convivente, probabile atto finale di uno screzio, forse uno dei tanti che la coppia stava vivendo in questi ultimi mesi. (LEGGI ANCHE "Follia in via Gorei, colpisce con il ferro da stiro la testa della moglie e poi si taglia la gola"). 

 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore