/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 11 febbraio 2020, 20:50

Assemblea Seab, a marzo il nuovo CDA. I lavoratori hanno dato voce alle preoccupazioni FOTO E VIDEO

Il futuro CDA sarà composto da 5 membri. Il Presidente Claudio Marampon: "L'attuale CDA lavora per l'approvazione del bilancio 2019 che presenteremo all'assemblea entro marzo in coincidenza della scadenza del mio incarico". Ai lavoratori proposto un concordato di continuità.

Foto e Video Catia Ciccarelli

Foto e Video Catia Ciccarelli

"C'erano delle aspettative non reali e notizie completamente sbagliate sull'assemblea di oggi, perchè qualche organo di stampa parlava della nomina di un nuovo consiglio amministrazione".

Questo il primo commento del Presidente Seab, Claudio Marampon dopo l'assemblea dei sindaci che si è tenuta oggi, martedì 11 febbraio, a Città Studi di Biella a porte chiuse e aula in cui non sono stati ammessi che i soli sindaci e aventi diritto, mentre all'esterno un nutrito gruppo di lavoratori e rappresentanti sindacali davano voce alla loro preoccupazione e alla richiesta di attenzione rivolta ai sindaci.

In effetti, all'ordine del giorno della riunione odierna non c'era la nomina del nuovo presidente. "L'assemblea di oggi aveva due punti. - dichiara Marampon - Il primo era l'integrazione del CDA attuale composto da due uomini, il sottoscritto e Luca Rossetto, con una donna, perché il nostro statuto prevede la rappresentanza di genere. E' stata nominata la commercialista Delia Frigatti in sostituzione di Isabella Scaramuzzi che aveva lasciato l'incarico a seguito della sua nomina ad assessore del Comune di Biella a giugno scorso. Questa sostituzione era necessaria perchè, se la sua composizione non rispetta lo statuto, il CDA può svolgere solo attività ordinaria e non straordinaria. Oggi, con Delia Frigatti, che è stata nominata anche vice presidente, il CDA è completo e può operare".

L'assemblea ha inoltre approvato una modifica statutaria che ha aumentato il numero dei membri del CDA da 3 a 5. "Il prossimo CDA - spiega Marampon - avrà 5 membri e garantirà, a parità di indennità complessiva, maggiore professionalità. Mentre il CDA di oggi opera per l'approvazione del bilancio 2019, che porteremo all'assemblea entro il mese di marzo. Nell'assemblea di approvazione del bilancio, come prevede la legge, io decadrò dal mio secondo incarico biennale di presidente e sarà costituito il nuovo CDA con 5 membri".

Al termine dell'assemblea, i sindaci soci di Seab hanno ricevuto una delegazione di lavoratori preoccupati della situazione economica dell'azienda, ai quali hanno proposto un concordato di continuità a tutela dei posti di lavoro.

Il Presidente Marampon garantisce il proprio impegno a tutela dei suoi dipendenti: "Fino a quando sarò in carica, lavorerò a tutela delle persone e delle amministrazioni pubbliche".

Il Presidente Seab fuga le voci di una possibile vendita della società ad un grande gruppo privato: "La preoccupazione dei nostri dipendenti è dovuta alle dichiarazioni di qualcuno che, senza cautela, ha prospettato la vendita ai privati come cosa migliore. Io ho sempre fatto l'amministratore pubblico per tutelare la cosa pubblica e senza mai pensare ai privati, e credo che la volontà dei nostri soci sindaci sia che rimanga una società pubblica a governare la materia dei rifiuti".

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore