/ CRONACA

CRONACA | 21 gennaio 2020, 12:38

Masserano, le truffe al centro dell’incontro con i carabinieri FOTO

Cittadini molto attenti e interessati nella serata dedicata alla prevenzione e repressione. Ecco le 10 regole in pillole da tenere sempre presente.

Masserano, le truffe al centro dell’incontro con i carabinieri FOTO

Circa una trentina di cittadini del comune di Masserano hanno preso parte all’informativa organizzata dai carabinieri sulla piaga delle truffe. Alla presenza del sindaco Sergio Fantone, a tenere la conferenza il comandante di stazione maresciallo Costanza Simone che ha illustrato la situazione attuale sulle truffe e ha spiegato il vademecum delle 10 regole essenziali da tenere sempre presente, illustrando anche, con esempi pratici, come agiscono i malviventi.

Da sempre la fascia più a rischio è quella anziana e a loro, infatti, che la delinquenza mira maggiormente. Molta attenzione da parte di tutti i cittadini che hanno interagito con il militare e il sindaco con domande appropriate e specifiche. Quello che è emerso e colpito i presenti è stata la massima disponibilità dei carabinieri, quel famoso rapporto umano di cui l’Arma ha sempre messo davanti a tutto e tutti. Sempre vicini ai cittadini. 

Le 10 regole in pillole.

1 - non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidate degli estranei che vengono a trovarvi in orari inusuali, soprattutto se in quel momento siete soli in casa;

2 - non mandate i bambini ad aprire la porta;

3 - comunque, prima di aprire la porta, controllate dallo spioncino e, se avete di fronte una persona che non avete mai visto, aprite con la catenella attaccata;

4 - in caso di consegna di lettere, pacchi o qualsiasi altra cosa, chiedete che vengano lasciati nella cassetta della posta o sullo zerbino di casa. In assenza del portiere, se dovete firmare la ricevuta aprite con la catenella attaccata;

5 - prima di farlo entrare, accertatevi della sua identità ed eventualmente fatevi mostrare il tesserino di riconoscimento;

6 - nel caso in cui abbiate ancora dei sospetti o c'è qualche particolare che non vi convince, telefonate all'ufficio di zona dell'Ente e verificate la veridicità dei controlli da effettuare. Attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall'altra parte potrebbe esserci un complice;

7 - tenete a disposizione, accanto al telefono, un'agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Enel, Telecom, Cordar, Sii, Vodafone, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità;

8 - non date soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo. Utilizzando i bollettini postali avrete un sicuro riscontro del pagamento effettuato;

9 - mostrate cautela nell'acquisto di merce venduta porta a porta;

10 - se inavvertitamente avete aperto la porta ad uno sconosciuto e, per qualsiasi motivo, vi sentite a disagio, non perdete la calma. Inviatelo ad uscire dirigendovi con decisione verso la porta. Aprite la porta e, se è necessario, ripetete l'invito ad alta voce. Cercate comunque di essere decisi nelle vostre azioni. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore