/ Biella motori

Biella motori | 13 gennaio 2020, 07:00

Nissan Leaf Experience: ricaricare un’auto elettrica è semplice VIDEO

Dal diario dell’esperienza diretta di tutti i giorni, le nostre impressioni sulla mobilità elettrica e i nostri consigli. Ricaricare è facile ed il parcheggio è gratis

Nissan Leaf Experience: ricaricare un’auto elettrica è semplice VIDEO

Continua la nostra esperienza diretta sulla mobilità sostenibile, lavorando tutti i giorni con un mezzo totalmente elettrico. Consapevoli di trattare un settore con infrastrutture di ricarica ancora in espansione, abbiamo allargato il nostro raggio d’azione muovendoci in Piemonte da Torino alla Val Vigezzo e in Valle D'Aosta.   Con un breve riassunto, ricordiamo che si può ricaricare in ambito domestico con i 3kw, sia con il carica batterie in dotazione comodamente dalla presa di casa o in ufficio (preferibilmente di notte per risparmiare).

Per quanto ci riguarda, abbiamo percorso circa 5.000 chilometri, usando al 90% questa modalità. Disponendo o richiedendo un allacciamento da 7 Kw, in casa o in ufficio, con la Wall Box, si diminuiscono notevolmente i tempi di ricarica e con costi assolutamente limitati. Per chi si deve spostare e fare i conti con l’autonomia esistono delle app sia generali sia dei vari gestori, che in base alla località in cui ci si deve recare, segnalano la colonnina di ricarica più vicina, anche con prenotazione, con un'operazione che impegna pochi secondi. in questio caso i costi salgono leggerente, ma sono sempre concorrenziali.

Tra i maggiori gestori di colonnine (ad esempio Enex, EvWay, IrenGo e altri) c’è l’accordo per la complementarietà della rete e pertanto, si potrà operare da entrambe le app a piacimento. Anche l’operazione di accesso alla ricarica è molto veloce, sia in presenza di card del gestore che con carta di credito (le abbiamo sperimentate entrambe).

Le colonnine pubbliche sulla rete stradale sono in continua crescita così come l’abbassamento dei tempi di ricarica e possono essere sostanzialmente di 3 tipi: lenta (16 A) veloce (fast 32 A) o la Fast a 200 A.
UnN dettaglio importante riguarda il parcheggio: durante la ricarica il parcheggio è gratis e specialmente nelle grandi città è un plus determinante  ma attenzione: le nuove norme in vigore sanzionano chi abusa di questo aspetto, in presenza di auto elettrica parcheggiata ma non in carica.

La settimana scorsa abbiamo provato anche la ricarica con la fast a 200 A: tempo di un caffé e due acquisti e si può ripartire con una buona scorta di energia.

Mauro Benedetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore