/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 02 dicembre 2019, 07:00

L'opinione di Vittorio Barazzotto: "Una ogni 15 minuti"

L'opinione di Vittorio Barazzotto: "Una ogni 15 minuti"

25 novembre 1960, Repubblica Dominicana, tre sorelle, attiviste che si opponevano al dittatore Trujillo, vennero brutalmente uccise dalla polizia di regime. A loro l’ONU nel 1999 ha dedicato la giornata mondiale per le attività a sostegno delle donne contro la violenza di genere.

Nel biellese questa ricorrenza è stata l’occasione per portare l’attenzione sulla piaga della discriminazione femminile, tramite incontri presso l’ospedale, centri commerciali, scuole e associazioni.

Parlarne è determinate per incoraggiare le donne a denunciare i soprusi di cui sono vittime, superando timori e omertà, e abbattere i preconcetti che distolgono l’attenzione dalle cause di questo dramma.

Secondo la Polizia, ogni giorno in Italia 88 donne subiscono atti di violenza: una ogni 15 minuti. Tra le mura di casa viene commesso l'85% dei reati, perpetuati nella maggior parte dei casi dai partner o da familiari.

I dati diffusi dall’ISTAT, proprio lo scorso 25 novembre, hanno tuttavia fornito un resoconto allarmante sulla percezione che gli italiani hanno degli atti violenti contro le donne: per il 24% degli intervistati le donne possono provocare violenza sessuale con il modo di vestire e per quasi il 40% una donna è in grado di sottrarsi ad un rapporto sessuale se davvero non lo desidera. Troppe persone ancora ignorano che le violenze domestiche rappresentano la maggioranza dei casi e che si insidiano dietro finti amori che confondono la passione con il possesso, la gelosia con la violenza, la protezione con il dominio.

Sebbene Einstein sostenesse che è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio, si deve continuare a lavorare per abbattere gli stereotipi di genere, iniziando in famiglia, con un'educazione al rispetto a cui vanno abituati gli uomini sin da quando sono bambini e con l’incoraggiamento a sostenere la presenza femminile nella vita pubblica e nei ruoli istituzionali.

Se anche noi uomini diventassimo più civili, si potrebbero avverare i versi di una bellissima canzone di Giorgio Gaber, in cui auspica un mondo di donne talmente belle da non aver bisogno di uniformarsi all’immagine del nostro sogno.

Vittorio Barazzotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore