/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 01 dicembre 2019, 07:00

Natale nell'aria tra le statue del Presepe Gigante di Marchetto all'inaugurazione FOTOGALLERY

Più di 100 persone per l'apertura del Presepe nel centro storico di Mosso, Valdilana. Musica e canzoni natalizie hanno accompagnato i presenti lungo tutto il percorso in mezzo alle statue a grandezza naturale fino al brindisi finale davanti alla natività

presepe mosso

Foto di A. Ziliani

Il Natale si sta avvicinando e ieri pomeriggio, sabato 30 novembre, a Valdilana la magia natalizia era nell’aria e nei cuori di tutti i presenti all’inaugurazione, a Mosso, della 32esima edizione del Presepe Gigante di Marchetto. Con partenza dalla piazza della chiesa alle 16 il coro di Cossato “Noi Cantando”, ha accompagnato un gruppo di oltre 100 persone per le vie del centro storico del paese, mescolandosi alle circa 200 statue a grandezza naturale disseminate in più scene caratteristiche di vita quotidiana di altri tempi.

Il nutrito gruppo di Cossato, guidato dal Direttore Vitaliano Zambon, si è fermato in 7 punti del presepe per cantare i tradizionali brani natalizi, ma anche rivisitazioni di alcuni famosi pezzi disney e, a conclusione, testi di grandi rock band.

Non mancava proprio nessuno, il sindaco di Valdilana, Mario Carli, insieme al vice sindaco Cristina Sasso e ai suoi assessori Carlo Grosso ed Elisabetta Prederigo ha fatto gli onori di casa nella piazzetta delle Granaglie, ringraziando il coro e tutti i presenti. “Ho sempre vissuto il Presepe di Marchetto da vicino di casa – racconta –. E’ un orgoglio che questo prezioso evento natalizio faccia parte della nuova grande comunità di Valdilana. Ringrazio la pro loco per l’allestimento e l’organizzazione, ringrazio le scuole che hanno collaborato a creare le statue e ringrazio tutti coloro che hanno aiutato a far vivere il centro storico. Questo è il modo di lavorare a Valdilana: per il futuro e per far crescere il territorio”.

Tante le novità del presepe. Moltissime scene sono state riallestite e  modificate come il negozio delle sarte, il falò, le lavandaie, il farmacista (una copia 'spiccicata', a detta di molti, dell’attuale farmacista di Mosso Piero Zantonelli)  e soprattutto la natività. “Pare un quadro – commenta uno degli organizzatori - . Inoltre il bue e l’asinello sono stati realizzati dall’artista valsesiano Peter Ancelli, detto il Maestro della cartapesta, che lavora anche per il carnevale di Borgosesia e i suoi carri. Il suo è stato un lavoro di un paio di mesi ma il risultato è pazzesco”.

Il ‘cammin-cantando’ si è concluso proprio nella piazzetta del centro anziani nel cuore del centro storico e ai piedi proprio della nuovissima natività. Lo stupore dell’intero percorso è stato festeggiato con un caldo bicchiere di vin brulè e una fetta di panettone o pandoro offerti dalla pro loco. Ma per i più affamati non è mancato anche un piatto gourmet preparato dai ragazzi dell’Alberghiero di Mosso: risotto al maccagno con riduzione al Barbera. I saluti finali della pro loco hanno chiuso in bellezza una visita al Presepe di Marchetto che, anche se alle 32esima edizione, ogni anno ha qualcosa di nuovo da mostrare.

Annachiara Ziliani

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore