/ CRONACA

CRONACA | 22 novembre 2019, 07:00

"Morte agli sbirri" e simili scritte sui muri di Rosazza. Indagini dei carabinieri FOTO

Il sindaco Francesca Delmastro: "Un fatto così grave non si era mai verificato nel nostro comune".

"Morte agli sbirri" e simili scritte sui muri di Rosazza. Indagini dei carabinieri FOTO

"Morte agli sbirri" è solo una delle tante scritte apparse, nella prima serata di lunedì 18 novembre indicativamente tra le 19 e le 21, sui muri nel comune di Rosazza. Il piccolo centro della Valle Cervo non è abituato a simili atti di matrice politica. 

"Un fatto così grave non si era mai verificato -commenta il sindaco Francesca Delmastro-. Le scritte sono tante; ora non si dica che è una certa area politica ad istigare all'odio. Questo è un chiaro esempio". Nella giornata del 21 novembre, il vice sindaco Andreino Zanchetta ha formalizzato la denuncia nella caserma dei carabinieri, già allertati da alcuni giorni. Sono diverse le scritte apparse sui muri, in differenti zone del paese: dalle abitazioni private, sulla strada provinciale, sulle vie comunali e anche sotto la tettoia vicino al municipio.

La mano degli autori potrebbe ricondurre ad un giovane. I militari potranno avvalersi delle immagini registrate dalle telecamere di video sorveglianza di Campiglia Cervo e Piedicavallo. "Speriamo che siano d'aiuto -conclude il primo cittadino-. Il paese di certo, nonostante sia questa stagione poco turistica, non rimane sguarnito, nel caso qualcuno lo pensasse". Indagini affidate ai carabinieri del nucleo investigativo di Biella e ai colleghi della stazione di Andorno. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore