/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 20 novembre 2019, 19:43

Sala d'incisione in Valsessera. Passuello: "Spero sarà una seconda casa per i ragazzi"

Da lunedì 25 novembre, grazie al Progetto Edu Fab Lab, la Valsessera avrà una sala di incisione musicale nell'ex Cinema Radar di Portula

Sala d'incisione in Valsessera. Passuello: "Spero sarà una seconda casa per i ragazzi"

Lunedì 25 novembre nella struttura di proprietà dell’Unione Montana dei Comuni del Biellese Orientale denominata Ex Cinema Radar, verrà inaugurata la sala di registrazione e incisione musicale.

Il progetto realizzato grazie ai contributi derivanti dal “Progetto Edu Fab Lab”, nel quale vede l’Unione Montana dei Comuni del Biellese Orientale come partner, è un luogo studiato e realizzato per i ragazzi, in modo che diventi anche luogo di aggregazione e di incontro.

Il progetto Edu Fab Lab, selezionato da 'Con i Bambini' nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, promosso dall’Istituto Comprensivo Biella III in collaborazione con cinquantadue partner (enti no profit, soggetti profit, scuole e istituzioni pubbliche) si rivolge ai giovani biellesi dagli 11 ai 17 anni (più le rispettive famiglie e il contesto della comunità educante) promuovendo azioni di prevenzione della povertà educativa e culturale, tentando di contrastare nel contempo la dispersione scolastica.

L’Amministrazione dell’U.M.B.O. fin dalla nascita del nuovo ente si era prefissata come obiettivo la possibilità di adibire i locali della struttura, Ex Cinema Radar di frazione Granero di Portula, a disposizione delle associazioni di volontariato. Ad oggi le associazioni e i progetti realizzati all’interno degli spazi sono molteplici, dall’emporio equo solidale alle attività di supporto socioassistenziale per famiglie e ragazzi, e con la nuova apertura di questo spazio si può definire che gli spazi sono “sold out”.

Sarà l’associazione Oltre il Giardino ONLUS in collaborazione con Ted Martin Consoli, Tecnico del Suono, a gestire e svolgere attività legate al mondo dell’arte dei suoni per tutti i ragazzi dagli 11 ai 17 anni. Si vuole proporre un luogo di incontro 'diverso dal comune' in cui i ragazzi possano avere la possibilità di esprimere loro idee e confrontarsi con il mondo della musica sognando un giorno di diventare artisti. L’idea di realizzare una sala di registrazione è stata scelta a seguito di un sondaggio effettuato nelle scuole in cui i ragazzi potevano scegliere tra diverse opzioni; la sala di registrazione musicale è stata la prima scelta.

Passuello: “Mi auguro che questo luogo, all’interno della struttura, possa essere utilizzato e vissuto dai ragazzi come una loro seconda casa”.

Comunicato stampa Unione Montana Comuni Biellese Orientale - a.z.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore