/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 15 novembre 2019, 07:00

Daspo urbano, alcol, prostituzione e decoro: presentato il nuovo regolamento di polizia urbana

30 pagine per 53 articoli verranno sottoposti al prossimo consiglio comunale del 26 novembre.

Daspo urbano, alcol, prostituzione e decoro: presentato il nuovo regolamento di polizia urbana

Daspo, consumo di alcol ai minori, prostituzione e decoro sono i punti principali della bozza del nuovo regolamento di polizia urbana che verrà presentato al prossimo consiglio comunale di Biella del 26 novembre, con un'anticipazione ai media nella conferenza stampa di oggi 14 novembre, condotta dal sindaco Claudio Corradino e dal suo vice Giacomo Moscarola, alla presenza del comandante dell polizia locale Massimo Migliorini e dal suo vice Marcello Portogallo. "Portiamo il primo atto pesante della nostra amministrazione -ha commentato Moscarola-. E questo era il primo punto della nostra campagna elettorale". Il vecchio codice era datato anni '30 e come ha affermato il sindaco Claudio Corradino "per cambiarlo è dovuta arrivare la Lega e gli alleati, una nostra priorità a favore dei cittadini e delle forze dell'ordine per ottenere maggiore sicurezza". 

30 pagine per 53 articoli di regolamento già sottoposte e consegnate ai capigruppo consiliari che avranno a disposizione un paio di settimane per trarre le loro conclusioni e poterne poi discutere al prossimo consiglio. La bozza è stata sottoposta a due commissioni per dare modo alla minoranza di comprenderla ma saranno utili le osservazioni di tutti i consiglieri per eventuali modifiche "anche se questo è il nostro regolamento" ha precisato ancora Corradino. Il punto 15 è forse uno dei più importanti visto che introduce in città il Daspo Urbano. 5 le aree specifiche a rischio che saranno sotto la lente d'ingrandimento e dove calerà la scure: Centro, Vernato Thes, San Paolo e Rossigliasco (zona ex ospedale), Riva e la zona storica del Piazzo. "Norme vecchie che dagli anni '70 in avanti non avevano più senso di esserci -ha precisato il vice sindaco-. Passeremo da uno stato di città sicura con qualche problema a città sicura. Abbiamo posto importanti paletti su alcune situazioni ben individuate". In pratica chi "sgarra" con condotta grave che limita l'utilizzo di spazio ad altre persone, potrà ricevere anche l'allontanamento dalla zona da 6 mesi a 1 anno.  

Un lavoro che ha portato via diversi mesi, eseguito con la collaborazione del comandante Migliorini, del suo vice Portogallo, della consigliera Anna Crida ora in pensione ma con alle spalle oltre 30 anni di servizio nella Polizia di Stato e vistato dalla commissione sicurezza. Ma non solo Daspo, il regolamento pone un'attenzione molto particolare ad un'altra problematica attuale come la somministrazione degli alcolici ai minorenni. Non in ultimo il problema del bar in via Italia chiuso per aver servito bevande non consentite a ragazzini. "Questo stop deve servire non solo a chi ha messo a repentaglio la vita di 15/16enni ma anche da monito agli altri esercenti" precisano Corradino e Moscarola. A luglio scorso c'era già stata una sospensione di un mese, dopo i fatti recenti si è saliti a tre mesi. "Se si ripeterà un ennesimo episodio -precisano gli amministratori- la via definitiva sarà ineluttabile". Il nuovo regolamento vieta il consumo di alcolici in tutte le aree della città, chiaramente ad esclusione, previa autorizzazione, per le varie manifestazioni. 

Sarà vietato il bivacco, altro punto mirato a sanare situazioni frequenti che si possono trovare, per esempio, ai giardini Zumaglini. "Attualmente lo status- ha precisato ancora Moscarola- è già migliorato decisamente con i pattugliamenti delle forze dell'ordine e della nostra polizia locale". Una stretta di vite ulteriore, per evitare spiacevoli situazioni, così come contro l'accattonaggio molesto. 

L'articolo 9 invece va a colpire la prostituzione. Il nuovo testo mira a limitare la richiesta da parte dei cittadini con un divieto di fermata in auto e conseguente accordo per la prestazione. "Fino ad ora non esisteva alcun strumento per colpire" hanno concluso il sindaco e il suo vice. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore