/ Motori

Motori | 13 novembre 2019, 09:12

Roberto Chioda, di Baffo MX, salta sul 1° gradino del podio al campionato Motoasi FOTO

Con ben 114 punti di vantaggio dal secondo classificato. Chioda: "La voglia di vincere mi ha accompagnato fino all’ultima prova”

Roberto Chioda, di Baffo MX, salta sul 1° gradino del podio al campionato Motoasi FOTO

Si chiude domenica il campionato Motoasi Piemonte e Lombardia, l’ultima delle 8 gare si è infatti tenuta domenica 10 novembre a Trofarello. A vincere il campionato con ben 114 punti di vantaggio rispetto il secondo classificato (1501 contro 1387), per il secondo anno consecutivo nella categoria regina è Roberto Chioda, 25 anni di Brusnengo dell’ASD Baffo MX. Il moto club, sponsorizzato dal Walhalla di Biella, chiude in bellezza un primo anno di fondazione costellato da difficoltà e infortuni superati senza riserve grazie alla performance di Chioda.

“Sono molto contento e ringrazio non solo Baffo ma anche CHRI e DP19 – commenta Roberto - . Il mio vantaggio era notevole e la voglia di vincere mi ha accompagnato fino all’ultima prova”. Erano 116 infatti i punti di vantaggio di Roberto prima dell'ultima sfida. Aveva accumulato distacco dalla seconda parte del campionato, iniziando a distinguersi dall'4a prova. A Trofarello doveva portare a termine le 2 prove senza ritirarsi per vincere il campionato. Non si è accontentato di partecipare, Chioda ha infatti vinto la prima gara ed è arrivato appena fuori dal podio nella seconda. Il risultato gli ha spalancato le porte del titolo Regionale senza tralasciarle la soddisfazione di un 15esimo posto nel campionato italiano categoria Fast.

“Ora mi aspetta una meritata vacanza  - scrive Roberto -. Far convivere sport e lavoro è una bella sfida. Dopo questi 2 risultati però non posso che dire di essere contento e soddisfatto”. Gli allenamenti riprenderanno con un ritiro di 3 settimane in Sardegna, per poi tornare ad allenarsi a pieno regime.

a.z.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore