/ SPORT

SPORT | 10 novembre 2019, 18:55

Oltre 500 runners all'Ysangarda Trail, vince la coppia Borgesa-Moia FOTO

Alessandro Pisani e Susanna Bozzalla vincono la 12 chilometri.

ysangarda trail

Foto di Studio Fighera

Un clima perfetto per la 16ª edizione dell’: perfetto sia dal punto di vista atmosferico con un bel sole autunnale a rendere meno rigide le temperature di questi giorni nel Biellese, e perfetto per l’armonia e lo spirito gioioso e sportivo che ha contraddistinto la giornata. I

n 505 hanno accolto l’invito di Paolo Boggio e dell’Asd Sport e Natura: il record di presenze è sfumato per pochissimo e rimane quello del 2013 quando i partenti furono 511. Per tutti loro una buona dose di fango e la possibilità di correre in luoghi bellissimi del territorio biellese, prima tra gli antichi vigneti del Castellengo, poi nel Parco Naturale della Baraggia: poco asfalto, come si conviene ad un trail, e un bel po’ di saliscendi soprattutto sulla 12K e la 19K, mentre è risultato semplice il minipercorso di 6 chilometri che ha visto l’adesione di camminatori e famiglie, oltre che di qualche runner dedito alle corte distanze.

Splendida l’accoglienza nel millenario castello di Castellengo, un piccolo gioiello del cossatese, nel cui parco era posto l’arrivo di tutti i percorsi (partiti poco più giù, ai piedi della collina) e che, al suo interno, ha ospitato il “Birra Menabrea & Pasta Party” offerto dagli organizzatori a tutti gli iscritti. Per tutti anche il ristoro dolce/salato a fine gara, la maglietta dell’evento e, sorpresa, anziché il classico pacco gara alimentare, una mattonella artigianale in terracotta a ulteriore ricordo dell’evento. Insomma, una bella festa, per oltre 500 persone alla quale hanno presenziato anche Sonia Borin, assessore al Comune di Cossato, e Alessandro Ciccioni, proprietario del castello e fondatore, insieme alla moglie Magda Zago, dell'azienda vitivinicola “Centovigne” partner dell'evento, insieme all’azienda agricola Pellerei di Cossato e a Menabrea, DolceBon e Fonte Caudana Alpe Guizza.

Dal punto di vista sportivo nomi importanti al via e grande battaglia nella 19K. Ha vinto il valsusuno Daniel Borgesa (già a segno nel 2018 nel trail 30K, andato in “pensione” dopo quella edizione) in 1h13’49” davanti di pochi secondi sul fossanese Andrea Fornero (1h13’55”) e sul biellese Alessandro Ferrarotti (1h14’12”): quest’ultimo era riuscito ad allungare in discesa tra il 14° e il 17° chilometro ma è poi stato ripreso dagli inseguitori. Determinanti per stabilire il primo posto gli ultimi 1000 metri e la dura salita di 300 metri al Castello.

L’organizzazione aveva previsto premiazione per i primi 5 quindi sul podio anche Amin Dakhil (1h19’19”) e Emanuele Falla (1h20’12”). Tra le donne, invece, arriva il poker dell’ossolana Monica Moia che infila il terzo successo consecutivo, oltre a quello del 2015: si avvicina così a Marcella Belletti, vincitrice 5 volte. Ha chiuso in 1h35’43” con un vantaggio di 4 minuti su Marialuisa Mauri (1h40’05”). Al terzo posto Cecilia Pedroni (1h42’52”), seguita da Marica Mainelli (1h43’48”) e da Sonia Destro (1h44’06”). Sul percorso da 12 chilometri, invece, premiati i primi 4: ha vinto il biellese Alessandro Pisani in 50’51”, precedendo il 14enne Thomas Borgesa (55’40”), Andrea De Venere (56’38”) e Simone Borri (58’07”). Tra le donne prima al traguardo Susanna Bozzalla Michetto in 1h04'43” con circa 4 minuti su Simona Banfo (1h08’30”) e Alessia Canepa (1h08’37”). Sotto i 70 minuti anche la 4ª Cristina Ferla (1h09’25”).

Nella corsa/camminata di 6 chilometri a carattere non competitivo nessuna premiazione: per le statistiche i più veloci al traguardo sono stati il biellese Claudio Canatone e la statunitense Erica Dorsey. Una decina, poi, i bambini che hanno preso parte alla corsa appositamente creata per loro all’interno del parco del Castello: un minigiro di 300 metri che li ha divertiti parecchio. Anche per loro in regalo la maglietta commemorativa dell’evento.

Terminata la 16ª edizione della Ysangarda Trail, l’appuntamento è ora per la versione “Night” della Ysangarda, in calendario il prossimo 11 gennaio 2020 in un sabato di luna piena come è caratteristica di questa gara, giunta alla 7ª edizione e che l’anno scorso complessivamente ha accolto ben 776 iscritti, lampada frontale in testa e una gran voglia di sfidare il il buio della Baraggia Biellese. Confermati i due percorsi: uno da 19 e l’altro da 10 chilometri con partenza alle 17.30 dallla zona antistante il palasport di Candelo (Biella) e arrivo all’interno del millenario Ricetto di Candelo. Iscrizioni già aperte sul sito www.traildeiparchi.com

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore