/ Casa Edilizia

Casa Edilizia | 06 novembre 2019, 09:54

Impianti elettrici professionali con i ferma cavi

Impianti elettrici professionali con i ferma cavi

Quando si ha necessità di realizzare un impianto elettrico autonomamente oppure servendosi di una ditta specializzata, è bene non dimenticare di sfruttare le potenzialità dei ferma cavi, piccoli componenti che risultano decisamente utili in questo tipo di circostanze.

Ferma cavi: cosa sono?
Per essere certi di munirsi di prodotti della massima qualità, è consigliabile rivolgersi a rivenditori dalla lunga e comprovata esperienza, come RS Components, che mette a disposizione dei propri clienti questi ferma cavi elettrici per la realizzazione di un impianto professionale e del tutto sicuro.

  • Morsetti in metallo: molto resistenti, hanno un rivestimento in gomma per evitare di danneggiare il filo che reggono. La loro istallazione deve avvenire con viti o chiodi che devono essere inseriti negli appositi fori
  • Fascette in plastica: modellate per accogliere un cavo con sezione tonda
  • Clip autoadesive: per essere posizionate non hanno bisogno di chiodi o viti ma, semplicemente, staccando la pellicola adesiva possono essere fissate dove più si desidera. In questo modo, in caso di errori o ripensamenti, fare una modifica evita di dover usare lo stucco e la vernice per colmare i fori praticati nel muro;
  • Supporto con clip in alluminio: costituito da tante alette in grado di avvolgere saldamente uno o più cavi, l’istallazione è facile perché il metallo è morbido e può essere piegato con le mani;
  • Serracavo a molle in plastica: utilizzato per i fili piatti, occorre spingere il cavo all’interno e, grazie alla sua conformazione, il sistema lo reggerà saldamente;
  • Morsetto regolabile: questa è la soluzione intelligente se non si sa preventivamente quanti fili elettrici bisogna fissare. Infatti, tale elemento ha una fascetta che, grazie a fori quadrati, può essere fissata a un perno alla lunghezza desiderata e stringere efficacemente un set di cavi;
  • Mollette reggicavo: ideali per fili sottili e poco pesanti, dopo l’istallazione accolgono il cavo molto facilmente;
  • Morsetto con staffa: è costituito da due parti metalliche ancorate tra di loro con delle viti. In questo caso, occorre calcolare precisamente la dimensione che bisogna acquistare, in quanto non è possibile fare nessuna regolazione;
  • Serracavo con base adesiva: in plastica, ha un supporto molto largo dove è saldata una struttura cilindrica cava e dotata di molle che favoriscono l’inserimento del filo.

Consigli per realizzare un impianto elettrico professionale

  • Progettato ad hoc secondo le esigenze dei fruitori della stanza. Quindi, prima si fa il disegno su carta e poi si inizia l’installazione;
  • Disposto a raggiera, con tutte le tracce che si riuniscono in un solo punto che si chiama quadro elettrico;
  • Dotato di un interruttore per disattivarlo completamente, detto salvavita;
  • Prevedere un sistema di messa a terra per renderlo sicuro;
  • Realizzato in modo tale che ci siano circuiti differenti per voltaggi diversi.

Quando si realizza un impianto elettrico occorre stendere molti metri di cavi: i ferma cavi allora risultano indispensabili, se i fili non vengono incassati nelle pareti tramite delle canaline, come succede negli impianti industriali per individuare e riparare i guasti in modo più celere, oppure nelle abitazioni private, quando non si vogliono fare delle opere di muratura. I ferma cavi sono degli occhielli di vario materiale e dimensioni che permettono di ancorare i fili sulle pareti così da avere un lavoro lineare e pulito.

Le tipologie di ferma cavi presenti nel catalogo di RS Components sono numerose, così da soddisfare ogni esigenza: 

Per scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze vanno considerati, in prima istanza, il diametro e il numero dei cavi che si dovranno sistemare. Infatti, ogni ferma cavo darà il suo meglio con un tipo specifico di filo elettrico. In secondo luogo, va stabilito il numero di unità che occorreranno e acquistare il pacco più conveniente in questo senso.

Se si deve realizzare un impianto elettrico per la propria abitazione o per la propria azienda, il consiglio è di affidarsi sempre a un’impresa professionale, che potrà garantire, a lavori finiti, anche la certificazione dello stesso in seguito a un collaudo. Il fai da te è da evitare se non si hanno le giuste conoscenze in quest’ambito.

Un lavoro fatto a regola d’arte deve essere:

  • Progettato ad hoc secondo le esigenze dei fruitori della stanza. Quindi, prima si fa il disegno su carta e poi si inizia l’installazione;

  • Disposto a raggiera, con tutte le tracce che si riuniscono in un solo punto che si chiama quadro elettrico;

  • Dotato di un interruttore per disattivarlo completamente, detto salvavita;

  • Prevedere un sistema di messa a terra per renderlo sicuro;

  • Realizzato in modo tale che ci siano circuiti differenti per voltaggi diversi.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore