/ CRONACA

CRONACA | 18 ottobre 2019, 08:38

Biella: usano petardi e spray al peperoncino per derubare due famiglie

Paura nella prima serata di ieri al Vandorno. I malviventi hanno agito intorno alle 18.

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Aggiornamento delle 9,25 - Sono due i nuclei famigliari derubati ieri sera alle 18 in cantone Boglietti al Vandorno: un uomo di 86 e una donna di 81 anni. Introno a quell'ora hanno suonato al campanello della loro abitazione due uomini fingendosi falsi tecnici dell'acquedotto con la scusa di alcuni problemi da verificare. Una volta entrati hanno iniziato a toccare la rubinetteria e aprire alcuni cassetti. Ad un tratto avrebbero fatto scoppiare, presumibilmente, alcuni petardi al solo fine di creare il panico agli anziani. Parallelamente al gesto avrebbero spruzzato lo spray al peperoncino, il cui odore acre ha allarmato i proprietari, vicini di casa. La confusione ha giocato a favore dei truffatori che hanno fatto razzia di oro, gioielli, orologi per poi darsi alla fuga a bordo di un'auto con all'interno il terzo complice. Solo dopo un'ora e mezza gli anziani avrebbero dato l'allarme alla polizia, intervenuta con due pattuglie della squadra volante. 

Ore 8,30 - Sarebbero due le famiglie rapinate ieri sera 17 ottobre all'ora di cena, intorno alle 19,30, al Vandorno, quartiere residenziale di Biella. Dalle prime indiscrezioni i malviventi sarebbero entrati in casa e avrebbero messo fuori gioco le persone con lo spray al peperoncino. A quel punto le avrebbero derubate per poi darsi alla fuga. Non sono state rese note le condizioni delle persone. Incertezza sul numero esatto dei coinvolti nella rapina così come sulla dinamica dell'accaduto. I soccorsi sono stati immediati appena ricevuta la richiesta. Vigili del fuoco e la volante della polizia si sono portati al Vandorno. Immediatamente sono scattate le ricerche da parte della polizia. Seguiranno aggiornamenti.

f.f/bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore