/ CRONACA

CRONACA | 10 ottobre 2019, 19:16

Biella diventa blindata: 58 telecamere per sorvegliare la città. Tempi duri per ladri e truffatori

Alta definizione per registrare materiale utile ad individuare ladri, truffatori, furbetti delle assicurazioni e dei veicoli non revisionati. Forze dell'ordine connessi con video in real time.

Il vice sindaco di Biella Giacomo Moscarola e il capo della polizia locale Massimo Migliorini

Il vice sindaco di Biella Giacomo Moscarola e il capo della polizia locale Massimo Migliorini

E diventeranno veramente tempi duri per ladri, truffatori, furbetti senza assicurazione o revisione dei mezzi. L'amministrazione Corradino investe 1,5 milioni di euro sulla sicurezza di Biella per un piano decennale o se si preferisce, un noleggio mensile da poco più di 12 mila euro mensili. 58 telecamere di ultima generazione verranno installate o andranno a sostituire le già obsolete esistenti. Un'operazione senza precedenti così come un unico software che gestirà tutto. "Una parte di questo bando deriva dalla falsariga di quello dell'amministrazione precedente -commenta il vice sindaco Giacomo Moscarola-. Abbiamo aumentato la risoluzione delle telecamere ma eliminato il supporto della vigilanza attiva affidata alle ditte specializzate. I nostri agenti, la polizia e i carabinieri saranno connessi in real time. E' un bando che offre all'azienda vincitrice di proporre l'aumento di telecamere quindi le attuali 58 potrebbero essere maggiorate".

Negli anni la città di Biella si era dotata di 21 telecamere collegate ad un unico software oltre ad altre gestite autonomamente. Questa sulla sicurezza è la prima grande novità dell'amministrazione Corradino, un punto forte della campagna elettorale. "Noleggiamo per 10 anni la migliore tecnologia -dice ancora Moscarola insieme al comandante della polizia locale, Massimo Migliorini- e alla fine avremmo la possibilità di riscattare il tutto ad un prezzo praticamente simbolico".

Novità. A parte gli ammodernamenti degli attuali obsoleti software, il bando mostra l'innovazione del posizionamento di telecamere con lettura targhe e collegamento diretto con la banca dati ministeriale per veicoli segnalati in 7 punti di entrata nella città. Questo permetterà alle forze dell'ordine di individuare in breve tempo la presenza in città di mezzi rubati o segnalati nelle truffe. Nei 9 varchi presenti negli Ztl le nuove telecamere controlleranno la regolarità nei pagamenti delle assicurazioni e eventuali veicoli non revisionati e quindi non in regola per viaggiare. Non solo strade ma anche punti sensibili come i giardini Zumaglini nei quali verrà implementata l'attuale videosorveglianza, un deterrente in più verso chi vuole compiere un reato. Agli agenti della polizia locale verranno consegnati 10 Bodycam (video telecamera spia nascosta) da utilizzare in situazioni di possibile pericolo. 

Telecamere. Come detto saranno in totale un minimo di 58 così distribuite: 21 video sorveglianza sulle vie, 7 nei principali accessi alla città, 9 sui varchi Ztl, 11 negli edifici e 10 in postazioni ancora da individuare. Il lavoro dovrebbe venire ultimato entro l'estate 2019. Le nuove telecamere che sostituiscono quelle ormai di tecnologica obsoleta saranno posizionate: due fronte Cda via Lamarmora, viale Matteotti, via Delleani, piazza Martiri, piazza Casalegno, salita di Riva, via Repubblica, piazza Battiani, via Italia, rotonda di piazza Cossato, piazza Borsellino, piazza Adua, piazza Stazione, rotonda via Rosselli, rotonda delle Genti, piazza Cisterna, Bottalino, via Rigola, corso Pella Città Studi, via Milano. Almeno altre dieci saranno posizionate a cura della Polizia locale in luoghi sensibili. Le 11 telecamere per gli edifici pubblici interessano: parcheggio del Bellone, parcheggio Conciatori, palazzo Oropa, palazzo Pella, Protezione civile, Museo del territorio, Biblioteca ragazzi, Biblioteca nuova, piazza Duomo, Parcheggio di via Boglietti, Funicolare.

 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore