/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 20 settembre 2019, 07:00

Biella, La minoranza delle liste civiche interroga il Comune: “Ci sarà taglio dei fondi agli oratori?”

oratori interrogazione

In foto Paolo Robazza, consigliere di minoranza delle liste civiche

“Gli oratori svolgono, oltre alla peculiare attività educativa , anche un'attività sociale importante a favore delle famiglie di Biella. Ora risulta che il neo assessore alle Politiche Giovanili Gabrielle Bessone abbia comunicato ai responsabili degli oratori cittadini la sua intenzione di ridurre del 50 per cento i finanziamenti agli oratori di Biella, con un taglio che dovrebbe essere da 30mila a 15mila euro”.

A lanciare l'allarme i gruppi di minoranza delle liste civiche (Lista Civica Biellese, Buongiorno Biella e Le Persone al Centro) che, attraverso un'interrogazione inviata al Comune, hanno chiesto un chiarimento all'amministrazione guidata dal sindaco Corradino. Il più imbufalito è il consigliere Paolo Robazza che sottolinea come “l’impegno a favore degli oratori era stato ricordato ampiamente in campagna elettorale da parte dell'attuale primo cittadino come fondamentale nella sua opera di attenzione ai cittadini. Inoltre, nel programma elettorale (e quindi anche nel programma amministrativo) è contenuto in merito il seguente paragrafo: <Sarà quindi importante dialogare con i diversi soggetti che si occupano di educazione in ambito locale, dalla prima infanzia, all’adolescenza (associazioni familiari, parrocchie e oratori), nella consapevolezza del ruolo importante che svolgono nella crescita della cittadinanza più giovane>. Mi auguro che la Giunta Corradino faccia un dietro front sulla decisione di tagliare il 50% di questi fondi. Se così non fosse la riterrei una scelta davvero assurda”.

Robazza, come il gruppo dei consiglieri, ricorda come gli oratori “compiono attività di dopo scuola e ludico sportive gratuite a centinaia di bambini che non potrebbero permettersi corsi o attività a pagamento. Senza dimenticare che i responsabili di questi luoghi sono tra i primi interlocutori dei servizi sociali quando devono essere messi in campo interventi a favore di minori in stato di disagio”.

Per questo i rappresentanti della coalizione di liste civiche in consiglio comunale chiedono al sindaco e l’assessore competente di avere “conferma che il taglio dei finanziamenti verrà effettivamente applicato, nella speranza che si tratti invece di un fraintendimento; in caso di conferma dei tagli, per chiarire se essi dipendano dal fatto che il Comune ha verificato che rispetto al passato la qualità dell’azione educativa degli oratori si è ridotta e quindi i soldi stanziati dalle amministrazioni precedenti erano eccessivi e per avere delucidazioni sul fatto che il taglio sia solo per l’anno 2019/20 o sia da intendersi come strutturale e cioè applicabile anche per i prossimi 4 anni, favorendo una corretta programmazione delle attività degli oratori. Infine,vogliamo sapere quali siano le azioni previste da parte del sindaco e della sua giunta a favore degli oratori, per aumentare la capacità di dialogo dell’amministrazione, nella consapevolezza del ruolo importante che gli oratori svolgono nella crescita della cittadinanza più giovane”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore