/ SPORT

SPORT | 17 settembre 2019, 18:16

Domenica la prima edizione di “Su-per Veglio Trail”

La competizione si svolgerà tra i territori di Veglio, Camandona e Mosso ripercorrendo i sentieri un tempo utilizzati dai margari per raggiungere gli alpeggi

Foto Su-per Veglio Trail

Foto Su-per Veglio Trail

Nell’onda delle tante competizioni che, negli ultimi anni, hanno interessato il Biellese in generale e la Valsessera in particolare, anche Veglio organizza per il 22 settembre 2019 il suo “Su-per Veglio Trail”.

Veglio, piccolo comune dell’alto Biellese, ai confini con l’Oasi Zegna e la Valsessera, più che un territorio occupa una stretta striscia di terra che dai 465 metri dell’oratorio di San Rocco ad Pontes, si inerpica sino ai 1697 metri della punta del Monte Moncerchio nel cuore di Bielmonte e della Panoramica Zegna. Paese in verticale mai più largo di un paio di kilometri nella parte più ampia e quasi sempre limitato da un lato dal rio Overa che lo separa da Camandona e dall’altro dal rio Poala che lo separa da Mosso, che un tempo si attraversava da un ponticello nel profondo del suo vallone ed oggi, dopo l’alluvione del ’68 dal “viadotto”, come chiamato da tutti il ponte “Colossus”, che caratterizza i paesaggio di tutta la vallata e che oggi ospita anche il più alto impianto di bungee jumping d’Italia.

L’itinerario prescelto da un gruppo di giovani volontari per questa prima edizione del “Su-per Veglio Trail”, l’aiuto organizzativo della Pro Loco di Veglio e del Trail Running Valsessera e quello economico della SuedwolleGroup, con il patrocinio del Comune di Veglio, si snoda nella parte alta del territorio comunale, interessando anche però i vicini comuni di Camandona e Mosso. In gran parte il tracciato ripercorre i sentieri un tempo utilizzati dai margari che avevano gli alpeggi nei dintorni del Monte Marca o nella vicina Valsessera, ma ha consentito anche di riscoprire un vecchio tratturo in disuso che, prima della costruzione della Panoramica Zegna, collegava le cascine da Trivero sino a Pratetto e che, col tempo, era andato del tutto perduto.

L’intento degli organizzatori è infatti da un lato senz’altro quello dar sfogo alla propria passione, dall’altro quello di far conoscere il nostro territorio che ben si adatta a questo tipo di competizioni, meglio ancora se contribuendo anche a riscoprire tratti della cultura alpina che lo caratterizzava e che, altrimenti, rimarrebbero irrimediabilmente nell’oblio.

Un grosso ringraziamento pertanto, oltre al Comune di Veglio, agli amici del Trail Running Valsessera e della SuedwolleGroup, va pertanto a tutti coloro che, con la loro partecipazione, premieranno i nostri sforzi.

Comunicato Stampa Su-per Veglio Trail - a.b.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore