/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 22 agosto 2019, 07:00

Meno slot, ma il gioco d'azzardo cresce in Piemonte

slot piemonte

''In Piemonte l’azzardo non cala, si sposta''. Lo scrive il giornale online Lo Spiffero riportando i dati del gioco d’azzardo nella nostra Regione.

‘’Chi di fronte alla fortissima diminuzione del denaro speso, cioè bruciato, nelle slot machine è pronto ad esultare indicando quei 154 milioni di euro “risparmiati” nel 2018 rispetto all’ anno precedente come l’effetto della legge regionale contro la ludopatia, meglio dia prima un’occhiata ad altri numeri’’ scrive Lo Spiffero.

Rimarcando che ‘’in Piemonte l’acquisto di gratta e vinci è aumentato del 13,6% con una spesa pari a 167 milioni, le scommesse virtuali addirittura del 25% con 15 milioni, quelle sportive sono salite del 9,7%  (45 milioni) e pure i tradizionali Superenalotto e Lotto hanno visto un incremento del 4% con 52 milioni e del 2,6% con 153 milioni di spesa’’.

Le cifre dunque dicono che il gioco non è calato ma si è solo spostato, penalizzando solo il settore dell’economia che va dai costruttori e gestori delle macchinette fino agli esercizi che sulle slot basano una parte consistente della loro attività.

Dal nostro corrispondente di Novara

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore