/ ECONOMIA

ECONOMIA | 12 agosto 2019, 09:35

Raccolta frutta, l'allarme di Coldiretti: "Comprare le pesche 1 euro al chilo vuol dire farsi complici dello sfruttamento"

L'associazione di categoria: "Attenzione a prezzi e provenienza, per non sostenere un sistema di sfruttamento che colpisce imprese frutticole e lavoratori"

coldiretti pesche

Con il mese di agosto è sempre più valido il consiglio di consumare frutta per combattere il caldo e reintegrare i sali minerali persi col sudore. Nel clou della raccolta delle pesche in Piemonte, l’attenzione deve essere alta anche rispetto alla frutta che arriva dall’estero e che invade il mercato provocando squilibri economici.

“Frutta sì, ma piemontese e giustamente remunerata – evidenziano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale –. Per i nostri frutticoltori permangono tempi duri: dalle albicocche alle pesche, la situazione prezzi è insostenibile ed è aggravata dalla grande distribuzione che continua ad applicare il suo strapotere acquistando e vendendo le pesche, ad esempio, a prezzi che non coprono neanche i costi di produzione. Una situazione, ormai più volte, denunciata, anche in occasione dell’evento Frutta e Legalità, dello scorso 28 giugno, durante il quale abbiamo acceso i riflettori sulle storture del mercato frutticolo piemontese che ha un fatturato di oltre 500 milioni di euro con una superficie di 18.479 ettari e oltre 7 mila aziende. Proprio in quella occasione, il Presidente della Regione, Alberto Cirio, si è impegnato ad attivare, su nostra richiesta ed in collaborazione con l’Osservatorio Agromafie, un Osservatorio regionale su prezzi e sulle dinamiche del mercato dell’ortofrutta piemontese.

E’ importante ora dar seguito a tale impegno, concretizzando la prima delle 10 priorità che abbiamo presentato. Molta attenzione, inoltre, va posta alla frutta importata che viene venduta a prezzi molto bassi e della quale non conosciamo i metodi produttivi, motivo per cui è bene che continuino i controlli degli organi preposti. Alla luce di questo scenario, i consumatori non dovrebbero comprare le pesche in offerta al supermercato al costo di 1 euro al Kg che vuol dire farsi complici di un sistema di sfruttamento che colpisce imprese frutticole e lavoratori. Consigliamo, infatti, di verificare – concludono Moncalvo e Rivarossa - sempre attentamente l’origine, oltre a recarsi direttamente dai produttori nei punti vendita aziendali: questo significa veramente incentivare l’acquisto delle produzioni del nostro territorio”.

Dal nostro corrispondente di Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore