/ AL DIRETTORE

AL DIRETTORE | 07 agosto 2019, 07:00

"Il referendum su porfido o asfalto, soldi buttati. Propongo un progetto più ampio"

La lettera-progetto di un lettore. Il problema

cubetti lettera

Riceviamo e pubblichiamo. "Leggo sui media che il sindaco Corradino avrebbe intenzione di sistemare (era ora già da qualche anno...) due importanti vie come via La Marmora e via Pietro Micca. Inizialmente, pare, mantenendo la cubettatura; poi, facendo scegliere ai cittadini, eventualmente passare all'asfaltatura. Vista la novità di questa amministrazione (le precedenti non hanno evidentemente mai considerato la problematica, forse perché percorrere strade dissestate dà meno l'impressione di essere in città e più di trovarsi su mulattiere di montagna), vale la pena di suggerire, molto banalmente, che spendere denaro per organizzare un referendum su una questione che rischia di avere metà dei cittadini pro e l'altra contro - dunque inutile - non pare il caso.

Meglio proporre in consiglio un bel progetto, un po' più ampio, con il quale migliorare notevolmente l'arredo del centro storico della città (all'interno del quadrilatero di via P.Micca e via Cavour a ovest, viale C.Battisti, via Marochetti e via Galilei a nord, via Repubblica a est e via Bertodano e via La Marmora a sud) utilizzando tutti i cubetti rimossi da quest'ultima e dalla prima in tutte quelle vie che hanno asfalto o rattoppi di asfalto, come in via Italia. Aggiungerei che anche tutta via Cernaia andrebbe modernizzata e resa più sicura con la rimozione dei secolari cubettoni (che con la pioggia diventano insidiosissimi) e il passaggio al più consono asfalto. Tra l'altro, gli stessi cubetti potrebbero essere semplicemente "spostati" qualche metro più in là, vale a dire utilizzati in quella sottospecie di parcheggio che da oltre due decenni attende di essere sistemato in modo degno di una città moderna. Ma forse questo è sperare davvero troppo..."

Lettera firmata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore