/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 02 agosto 2019, 10:12

Legambiente Biella e Gattopoli: “Colonie feline, questione di senso civico”

Legambiente Biella e Gattopoli: “Colonie feline, questione di senso civico”

Riceviamo e pubblichiamo:

“Molto spesso, noi associazioni, ci sforziamo di ricordare le normative vigenti in materia che delegano ogni responsabilità sugli animali randagi ai sindaci ma tuttavia, ciò che dovrebbe muovere un sindaco è il senso civico. Avere senso civico vuol dire rispettare l’intera comunità e dunque occuparsi anche delle colonie feline, vuol dire avere a cuore chi ama i gatti ma soprattutto chi non li ama. 

Chiunque si occupi di randagismo, si sarà certamente trovato almeno una volta davanti a sindaci che pensano non sia una faccenda che li riguardi o, ancora peggio, un problema non prioritario. Questo atteggiamento è ancora più diffuso quando si tratta di gatti. La prolificità di questi animali in pochi mesi può creare rischio igienico sanitario per le persone e condizioni di maltrattamento degli animali. 
Incolpare chi si prende cura delle colonie, è spesso la reazione tipica di chi avrebbe, invece, il dovere di agire. 

Noi, come gruppo di associazioni locali che si occupano di benessere animale, speriamo che questa condizione non si verifichi anche nel comune di Candelo, dove in via Isangarda la situazione sta precipitando: sono presenti infatti 28 gatti di cui 4 maschi, 6 femmine e ben 18 cuccioli tra i 60 e i 90 giorni d’età. 
Dalla nostra segnalazione ufficiale del 27 giugno, a cui mai abbiamo ricevuto risposta, nonostante l’urgenza della situazione, si sono aggiunti altri cuccioli nati nel frattempo e soltanto l’intervento dell’associazione Gattopoli che si è fatta carico di diversi esemplari e che, per circoscrivere la situazione, ha iniziato un’opera di sterilizzazione a proprie spese, ha potuto mitigare e ridurre i rischi sanitari e di abnorme prolificazione. 

Le associazioni non possono, con le poche risorse che hanno, sostituirsi agli obblighi dei comuni, pertanto ribadiamo il nostro supporto nella cattura degli esemplari e nell’assistenza post operatoria ed eventualmente anche per l’adozione degli esemplari compatibili, ma il comune non può ignorare una richiesta d’aiuto, minimizzando le pregresse segnalazioni dei propri cittadini e ignorando quelle delle associazioni.
Parafrasando Einaudi, ricordiamo al Sindaco di Candelo che 'il senso civico è nei dettagli'".

Legambiente Biella e Gattopoli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore