/ CRONACA

CRONACA | 18 luglio 2019, 11:03

Blitz della polizia "stoppa" una festa abusiva. 17 giovani biellesi denunciati

Due gli interventi dei poliziotti in 20 giorni. Il 6 luglio sono scattate le denunce. Il fatto è successo in un bosco demaniale tra Tollegno e Pralungo.

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Sono stati denunciate 17 persone tutte comprese tra i 17 e 30 anni per disturbo del riposo delle persone e invasione di terreni aggravata. La musica ad altissimo volume è stata la causa che ha scatenato la rabbia dei residenti nei comuni di Tollegno e Pralungo per una festa organizzata in un bosco di proprietà del demanio senza le necessarie autorizzazioni. Una prima chiamata al 112, per un presunto "rave party", è stata fatta il 17 giugno. La musica assordante rimbombava per molte zone della vallata. Gli agenti della squadra volante intervenuti, avevano identificato diversi ragazzi e intimato loro di sgomberare la festa organizzata. Presenti e notate diverse grosse casse acustiche, generatori di corrente, mixer e console per dj. Poi, il 6 luglio alle 23,30, altre telefonate al 112 da parte di diversi residenti, allertava nuovamente le forze dell'ordine, sempre a seguito del volume improponibile della musica e dell'orario della festa. Un paio di pattuglie delle volanti, insieme a personale in borghese, hanno fatto scattare il blitz nel boschetto, trovando alcuni giovani già identificati la volta precedente. A quel punto, è scattata la denuncia per tutti i presenti. Si tratta di 17 giovani di età compresa tra i 17 e 30 anni, due dei quali minorenni, tutti biellesi ad eccezione di due ragazzi originari del Marocco e Romania. Ora dovranno rispondere dell'ipotesi di reato di disturbo del riposo delle persone oltre all'invasione di terreni aggravato. E' ipotizzabile, vista l'ora, che la festa fosse solo all'inizio e che, col trascorrere delle ore, i presenti sarebbero aumentati esponenzialmente.

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore