/ EVENTI

EVENTI | 16 luglio 2019, 16:10

Verso il 2020: il Biellese attende La Rappresentazione della Passione e l’Incoronazione della Madonna di Oropa

Più di 700 persone alla due giorni di appuntamenti a Sordevolo, il 13 e 14 luglio, tra cultura, sport e musica

Verso il 2020: il Biellese attende La Rappresentazione della Passione e l’Incoronazione della Madonna di Oropa

Tra un anno, dal 13 giugno al 27 settembre 2020 a Sordevolo, nel Biellese, sono attesi almeno 40 mila spettatori per la grande Rappresentazione della Passione, un evento che ogni cinque anni coinvolge l’intera comunità di 1.400 persone, impegnate a portare in scena una tradizione antica di due secoli. Un vero momento di cultura popolare in grado, con il suo toccante realismo e con gli effetti speciali, di ricreare l’atmosfera di 2000 anni fa, con 400 attori di età compresa fra i 5 e gli 80 anni, 40 repliche in 100 giorni, di cui 3 interamente recitate da bambini; 5.000 metri quadri di scenografia, 300 addetti dietro le quinte.

Un vasto spazio all’aperto ospiterà un frammento di Gerusalemme dell’anno 33: la reggia di Erode, il Sinedrio, il Pretorio di Pilato, l’orto degli ulivi, il cenacolo, il monte Calvario dove si terranno le 25 scene con una durata di circa 3 ore. Il testo su cui si basa la rappresentazione risale agli ultimi anni del Quattrocento, opera elaborata in versi dal fiorentino Giuliano Dati, cappellano della Chiesa dei Santi Martiri in Trastevere a Roma. Il 2020 sarà un anno di grande attrazione per il turismo culturale e spirituale del Biellese, quando la Passione di Sordevolo si abbinerà alla celebrazione dell’Incoronazione della Madonna di Oropa attesa per domenica 30 agosto presso uno dei più celebri Sacri Monti - oltre che residenza Sabauda - patrimonio UNESCO del Piemonte.

Un appuntamento che, dal 1620, si ripete solamente una volta ogni 100 anni e che quest’anno sarà preceduto da una serie di iniziative di interesse che coinvolgono fedeli, famiglie e visitatori da tutto il mondo. Tra le varie iniziative, da segnalare il concorso nazionale per la progettazione e la realizzazione di due “corone” per la statua della Vergine Maria e del Bambino Gesù. Recarsi nel Biellese per assistere a questi eventi è un’ottima occasione per visitare non solo alcuni dei luoghi della spiritualità piemontese tra i più suggestivi, ma anche per scoprire il territorio di Biella: una terra storicamente legata alla storia del tessile italiano, con i suoi storici lanifici e la tessitura del cachemire legati ai grandi nomi della moda internazionale (quali, ad esempio, Cerruti, Loro Piana, Piacenza, Zegna…) e gli outlet di lusso.

Il tutto, in un conteso paesaggistico e naturalistico ben preservato, con i numerosi parchi e riserve naturali che offrono numerose agli sport all’aria aperta che hanno reso la provincia di Biella la vera capitale italiana dell’outdoor. Aspettando i grandi appuntamenti del 2020, sabato 13 e domenica 14 luglio il Comune di Sordevolo ha aperto le porte a cultura, a spettacolo e sport offrendo un assaggio della particolare atmosfera che la caratterizza. Sabato 13 luglio si è tenuta la presentazione del libro “Sordevolo, dove la Passione opera”, a cura dell’Associazione Teatro Popolare e del Comune di Sordevolo, in collaborazione con Regione Piemonte e VisitPiemonte.

Sono intervenuti il Sindaco di Sordevolo Alberto Monticone e il giornalista Alessandro Pavanati che hanno intervistato la curatrice Carla Gütermann e gli autori Marco Roggero e Luigi Zai. A seguire, è stato il momento della “Cena sotto le stelle” a cura dei ristoratori di Sordevolo con accompagnamento musicale dei The Bowman. Domenica è stata la volta della visita di Sordevolo con guida turistica e partenza delle escursioni in Valle Elvo.  Dopo la  Messa nella Chiesa di Santa Marta, un aperitivo al Museo offerto dall’Associazione Teatro Popolare e nel pomeriggio visite guidate al Museo della Passione e mostra fotografica.  Nella chiesa di Santa Maria un concerto del Trio Evocacion, in coproduzione con Ossola Guitar Festival ha preceduto l'incontro con gli artisti e l' apericena con prodotti tipici del territorio offerto dall’Associazione Teatro Popolare di Sordevolo.  La giornata siè conclusa presso l’Anfiteatro Giovanni Paolo II, con Le Ballets Trockadero di Montecarlo.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore