/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 16 luglio 2019, 11:29

L'assessore regionale Icardi in visita a Spazio Lilt: "Esempio di struttura sanitaria" FOTOGALLERY

Il Centro Oncologico Multifunzionale, dedicato alla prevenzione primaria, alla diagnosi precoce e alla riabilitazione oncologica, ha ospitato l'assessore per una visita nel pomeriggio di ieri, 15 luglioIl Centro Oncologico Multifunzionale, dedicato alla prevenzione primaria, alla diagnosi precoce e alla riabilitazione oncologica, ha ospitato l'assessore per una visita nel pomeriggio di ieri, 15 luglio

lilt icardi

Foto Newsbiella/Lilt

“Sono veramente contento di aver fatto questa visita, perché è una struttura che mi ha stupito prima di tutto per la sua mission e poi anche per come è stata costruita e gestita. Un esempio di come dovrebbero essere fatte e gestite le strutture sanitarie”. Così il nuovo assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi, ha descritto lo Spazio Lilt di via Ivrea a Biella. Il Centro Oncologico Multifunzionale, dedicato alla prevenzione primaria, alla diagnosi precoce e alla riabilitazione oncologica, ha ospitato l'assessore per una visita nel pomeriggio di ieri, 15 luglio.

Ad accoglierlo e a fare gli onori di casa Mauro Valentini, Presidente di LILT Biella, che ha presentato il nuovo centro per la Vita che fa del capoluogo laniero un polo sempre più importante e strategico nel Nord Italia per la Prevenzione e la Riabilitazione Oncologica. 

“Una realtà voluta - ha commentato Valentini - per offrire quei servizi che non hanno una adeguata copertura come la diagnosi precoce di quelle patologie oncologiche che non rientrano negli screening regionali, la riabilitazione oncologica e l’esercizio fisico adattato, fiore all’occhiello di Spazio LILT ma che, al tempo stesso, è impegnata sin dal 2016 in progetti di ricerca e innovazione”.

Progetti esposti all'assessore dalla dottoressa Ylenia Sacco, responsabile del Settore Ricerca e Innovazione di LILT Biella, dopo un breve excursus sulle principali caratteristiche e bisogni di cura del territorio locale, fortemente caratterizzati dall’invecchiamento della popolazione e, di conseguenza, dall’insorgenza di patologie cronico-degenerative a cui i sistemi sanitari in fase di contrazione di risorse umane ed economiche non riescono o possono solo parzialmente far fronte in fase post acuta e riabilitativa della malattia.

“LILT Biella – ha commentato la dottoressa Sacco – si sta sempre più concentrando e puntando sul lancio dei servizi di prevenzione terziaria per rispondere al crescente bisogno di cura e riabilitazione legato all’invecchiamento della popolazione nelle patologie oncologiche e croniche. Per questo motivo, a fianco dei servizi di Riabilitazione ed Esercizio Fisico Adattato (EFA) sono in corso progetti di ricerca e studi pilota finanziati dalla ricerca sanitaria al fine di dimostrare l’efficacia dei percorsi riabilitativi motori evidence-based”.

Ben tredici gli ambulatori che l’assessore Icardi ha visitato, suddivisi in ambulatori di prevenzione primaria e diagnosi (dermatologia, senologia, ginecologia, dietologia, otorinolaringoiatria, urologia, colon-proctologia, obesità in età evolutiva, centro antifumo di II livello e ambulatorio ecografico) e ambulatori di riabilitazione (ambulatorio psico-oncologico, riabilitazione del pavimento pelvico ed Esercizio Fisico Adattato). Oltre ad aver potuto apprezzare le attrezzature di nuova generazione, all’assessore è stata presentata in anteprima la nuova palestra outdoor di Spazio LILT. Intenso anche l’incontro con le volontarie di LILT Biella che hanno accolto l’Assessore presentando le bomboniere solidali e i gadget “I Pensieri Vivi” che realizzano con le proprie mani per raccogliere fondi a favore dell’associazione.

Redazione B.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore