/ Speciale Rally Lana

Speciale Rally Lana | 11 luglio 2019, 17:28

Rally Lana, il campione 2018 Ivano Carmellino è pronto alla sfida

I fratelli Carmellino tenteranno il bis all'edizione 2019. "Sarà dura, il percorso è ancora più impegnativo con la speciale di Rosazza. Dobbiamo partire concentrati e non fare errori"

Rally Lana, il campione 2018 Ivano Carmellino è pronto alla sfida

Ivan Carmellino, vincitore del Rally della Lana 2018, proverà a guadagnarsi il primo posto in classifica anche in questa edizione.

“Sarà dura. Il percorso è impegnativo, anche con l’aggiunta della speciale a Rosazza. - spiega il pilota valsesiano - . Dovrò cercare di fare in manovra meno tornanti possibili, anche se sarà difficile visto quanto sono stretti. Non so dire se alla guida della mia auto sarò in grado di affrontarli facilmente. Bisogna fare attenzione, perché il problema di quei tornanti è che non c'è spazio nè all'esterno nè all'interno. Dovremo presentarci alla partenza il più preparati possibile e cercare di non fare errori. Secondo me sarà dura, ma ci proveremo. Dobbiamo partire subito bene sabato sera con la salita a Oropa".

Consapevole quanto Bergo delle capacità dei piloti in gara, e in particolare dei primi cinque, dichiara: "Quest'anno sarà bello e coinvolgente ed è giusto andare a lottare con gente a questi livelli".

Anche in quest'occasione il pilota guiderà la Skoda Fabia R5, con il numero 3, e sarà navigato dalla sorella, Marina Carmellino. "Lei è più carica di me, ci bacchetta tutti", dichiara.

Sicuramente giungeranno molti fans e amici dalla Valsesia per assistere alla gara e fare il tifo a Carmellino: "Non posso che ringraziarli. Fanno chilometri per me.", ma il pilota valsesiano si è guadagnato il tifo anche di tanti biellesi: "L'anno scorso ho notato farmi il tifo persone che non avevo mai visto prima”.

Il pilota ringrazia come ogni anno gli sponsor, Mario Trolese, da cui è seguito, e Roger Tuning, che consegna una macchina sempre al top. "Adesso sta a noi. Dico da sempre che si vince e si perde tutti assieme, in squadra, quindi non sono io che faccio la differenza."

NBY Vanessa Musso

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore