/ POLITICA

POLITICA | 24 giugno 2019, 18:55

Si presentano i consiglieri Pd di Biella, Cavicchioli:”Opposizione responsabile. Funicolare? Ha rilanciato il Piazzo”. E sulle piste ciclabili...

Nella conferenza stampa di presentazione del gruppo consiliare, l'ex primo cittadino di Biella ha rivendicato con orgoglio le opere realizzate negli ultimi 5 anni, come l'ascensore inclinato. Alle polemiche attorno alle piste ciclabili, ha risposto l'ex assessore Varnero ( “Pronti al confronto se ci saranno modifiche o migliorie”) mentre Presa ha esposto dati e numeri dell'ultimo quinquennio.

pd biella consiglieri

“L'indebitamento complessivo è stato ridotto. I lavori ereditati dalla giunta comunale precedente alla nostra sono stati portati a termine e, in sintesi, la nuova amministrazione riceve in dote oltre 50 opere in corso e già finanziate per oltre 25 milioni di euro. In più rimarchiamo con forza la realizzazione dell'ascensore inclinato: un'opera che ha avuto il merito di rilanciare il Piazzo”. Non si nasconde. Anzi, rivendica tutto ciò che è stato realizzato negli ultimi cinque anni di governo. Con queste parole, l'ex sindaco di Biella e nuovo capogruppo del gruppo consiliare di minoranza del Pd Biella Marco Cavicchioli ha tenuto nella mattina di lunedì, 24 giugno, il discorso di fine mandato del suo quinquennio, nei locali della sede di via Trieste.

Accanto a lui, gli ex assessori Diego Presa e Valeria Varnero, e uno dei nuovi volti del gruppo, Marta Bruschi. Unico assente l'altro consigliere di minoranza Mohamed Es Saket, all'estero per motivi di lavoro. L'analisi del bilancio è collegiale e Diego Presa ha sciorinato dati e numeri della legislazione 2014-19: “Nonostante i 16 milioni in meno dei trasferimenti negli ultimi 5 anni, l'indebitamento è passato da 50 a 40 milioni di euro. E l'accantonamento a fronte dei crediti potenzialmente inesigibili è aumentato di circa 7 milioni (da 9 a 16 ndr). L'evasione fiscale accertata ha superato i 9 milioni, consentendo il contenimento della spesa corrente nei limiti del bilancio. Inoltre, il carico fiscale e tariffario si è notevolmente ridotto (Iuc, Tari, asili, mense ndr) e i servizi non hanno subito riduzioni “. Al capitolo opere pubbliche, Presa ha sottolineato che “103 nuovi interventi sono stati appaltati per quasi 27 milioni di cui 64 ultimati e 39 in corso di completamento, senza dimenticare i finanziamenti 2019-20 per oltre 10 milioni, già confermati a favore del bilancio comunale”. 

“È opportuno rimarcare il lavoro di questi 5 anni – commenta Varnero – In questo nuovo ruolo, punteremo al sodo delle questioni prestando particolare attenzione alla città. Salvo situazioni particolari, la nostra sarà un'opposizione attenta, propositiva e responsabile. La turnazione del ruolo da capogruppo sarà annuale, consentendo a tutti i membri del gruppo di ricoprire questo compito. Il rapporto con il cittadino non verrà meno: infatti abbiamo predisposto un contatto email (consiglieripdbiella@gmail.com), un sito e una pagina Facebook, dove aggiorneremo lo stato attuale della situazione. Infine, ci sarà un orario di ricevimento al pubblico, che avverrà nella sede Pd di via Trieste tutti i giovedì, dalle 17 alle 19”.

Sulle azioni programmatiche di medio-lungo periodo, Presa ha elencato le maggiori opere avviate come i due Programmi Periferie e, con la collaborazione di altri enti, il progetto Unesco, C.oro (Conca di Oropa) e Biella Città Alpina, unita al piano delle infrastrutture che abbraccia l'elettrificazione della Biella-Santhià e il collegamento alla rete autostradale (Pedemontana). Sul futuro ruolo di forza di minoranza, l'ex primo cittadino ha parlato anche dei nuovi rapporti con le altre realtà politiche consiliari e non (liste civiche della coalizione Gentile, Movimento 5 Stelle e Onda Verde): “Così come con la maggioranza, saremo propositivi puntando alla concordia sulle diverse posizioni. Occorre essere costruttivi, poiché viviamo in un contesto amministrativo. Biella deve essere governata in maniera concreta”.

Nella lunga conferenza stampa, si è parlato molto anche di temi di stretta attualità, finiti al centro del dibattito locale, come l'ex funicolare di Biella e le piste pedonali. “L'impianto dell'ex funicolare è un unicum del suo genere – dichiara Cavicchioli – Avevo detto in passato che bisognava tener conto di una fase di assestamento che ora si sta superando. Tra qualche settimana l'opera sarà a pieno regime. Uno dei nostri obiettivi era quello di rilanciare il Piazzo con la realizzazione dell'ascensore inclinato ed è stato raggiunto. L'intuizione della gratuità del suo utilizzo è stata premiante. Chi va oggi al borgo storico di Biella vede locali nuovi e avverte una percezione diversa rispetto a quella di quattro anni fa”.

E sulle piste ciclabili (e le dichiarazioni rilasciate dall'assessore Davide Zappalà su una testata locale) l'ex assessore all'edilizia e alla progettazione urbana Varnero dichiara senza mezzi termini: “Dietro il progetto della pista ciclabile c'è una strategia ben precisa, così come tutte le opere immaginate e legate ad esso. Se verranno apportate modifiche e migliorie, saremo i primi a confrontarci con l'amministrazione. Al contrario, se prevarranno logiche politiche e si bloccherà in toto la sua realizzazione, saremo pronti ad alzare la voce”.

Tutti discorsi rinviati a dopo l'insediamento del nuovo consiglio comunale di Biella, con la cerimonia di giuramento del sindaco Corradino e l'esposizione delle linee programmatiche della sua agenda, in programma mercoledì, alle 17, a Palazzo Oropa.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore