/ Biellese che NON piace

Biellese che NON piace | 20 giugno 2019, 16:54

"Profondi tombini aperti a bordo strada, pericolosi per ciclisti e pedoni. Chi dovrebbe intervenire?"

La segnalazione di un lettore che, durante un giro in bicicletta, ha rischiato di finire all'interno di una buca a bordo strada sul territorio di Viverone

tombini

Uno dei tombini aperti sulla strada che collega Viverone al Vercellese

Gentile direttore,

Mi rivolgo a lei nella speranza che questa segnalazione possa richiamare l'attenzione di amministratori ed enti preposti. Questa mattina sono andato a fare un giro in sella alla mia bicicletta, raggiungendo Viverone e il confine con la provincia di Vercelli.

La differenza tra le strade biellesi e quelle vercellesi è evidente al primo colpo d'occhio: come si evince dalla fotografia, i grossi e profondi tombini a bordo strada sono aperti, ma basta oltrepassare il confine con il Vercellese per notare che invece, sulle loro strade, gli stessi tombini sono chiusi e non rappresentano un pericolo per i passanti, pur mantenendo la funzione per la quale sono stati installati.

Fortunatamente mi sono reso conto in tempo della loro presenza a bordo strada, dove noi ciclisti (e anche eventuali pedoni) siamo costretti a viaggiare vista la mancanza, sulla maggior parte del territorio, di piste ciclabili (o di isole pedonali). 
Ma cosa sarebbe successo se non me ne fossi accorto? E se fossero arrivate delle auto proprio in quel momento? Magari non sarei riuscito a schivare la buca.

Facendomi portavoce di ciclisti e pedoni che quotidianamente frequentano le nostre strade, spero che gli enti responsabili diano una risposta e che, soprattutto, trovino una soluzione.

Lettera firmata

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore