/ SPORT

SPORT | 17 giugno 2019, 13:03

Rally Lana Storico: ancora record di iscritti. A Biella il probabile ritorno alle gare di Cunico FOTOGALLERY

Sfiora i 200 il numero di partecipanti. Soddisfazione degli organizzatori. Piccolo sassolino polemico di Gabriele Bodo all'indirizzo dell'ex amministrazione Cavicchioli. Il vincitore del Lana 1998 in forse per un problema meccanico.

Foto Studio Fighera

Foto Studio Fighera

Ad oggi sono 195 gli iscritti al Rally della Lana Storico in calendario il 22 e 23 giugno. Ed è di nuovo record. Motori, fascino, organizzazione racchiudono in poche parole il grandissimo risultato che dal 2015 questo evento sta ottenendo. Numeri incredibili all'insegna di un netto calo in tutta Italia. Il Biellese si riscopre, per chi ne avesse avuto dei dubbi, vera terra da rally. I vari Ormezzano e Perazio, rallisti nostrani hanno impresso un segno indelebile nella mente e nei visi degli allora ragazzini erranti sulle varie prove speciali. Sarà una prova valida per l'agguerrito campionato italiano. Sarà ancora spettacolo assicurato. "Sono contento che la mia prima conferenza stampa ufficiale da sindaco -precisa Claudio Corradino- sia proprio quella del Rally Lana. E' legato al mio passato con notti e giorni trascorsi ad inseguire la gara e i nostri piloti". E se il neo primo cittadino di Biella lo ricorda da spettatore. Andrea Gibello, presidente dell'Aci provinciale è legato a filo doppio con il mondo dei motori. Lui che i rally li ha corsi e li corre ancora: "Abbiamo iniziato 10 anni fa da buoni biellesi compiendo un passo alla volta per lavorare al fine di far avere a questo evento il meritato spazio. A biella si riesce sempre a stupire e non è scontato. Ogni evento organizzato crea movimento e economia. Tanti equipaggi italiani, nel tempo, hanno scelto di correre nella nostra provincia proprio per l'accoglienza". 

Chi invece apre il suo discorso ai media a tackle duro, per usare un gergo calcistico e non motoristico, è Gabriele Bodo, organizzatore della corsa insieme a Gabriele Bocchio, vice presidente Aci Biella. "Sono contento di essere tornato a fare la conferenza stampa in questa sala consigliare a Palazzo Oropa. Purtroppo negli ultimi cinque anni è stato totale disinteresse da parte dell’amministrazione, addirittura al primo anno 10 mila euro di multa ad alcuni sponsor poi rivisti. Ma nonostante tutto siamo riusciti a crescere. Dal 2015 ad oggi è sempre stato un record. E non ho ancora capito da dove arrivi questo successo. Forse la nostra passione, il gruppo efficiente dove tutto scorre liscio. Detto questo ovviamente sono molto contento. Ringrazio Michele Pavan concessionaria Ford Nuova Assauto e Hyundai e Denis Arredamenti. Prove inalterate abbiamo ripresentato il notturno che ha avuto in successo notevole. Un'anticipazione che ci fa un enorme piacere: Franco Cunico ha aderito alla gara, speriamo riesca a partire per alcuni problemi da risolvere della sua auto. Se questo avvenisse sarebbe il top perchè riprenderebbe a correre proprio a Biella". Il format del rally è praticamente invariato con le prove storiche dove sono passati campioni nazionali e internazionali. "Le nostre strade sono belle anche se fragili ed è un percorso tecnico dei più difficili -afferma Bocchio-. Siamo prepararti a gestire questo numero che non ci aspettavano. Prove inalterate e abbiamo ripresentato il notturno che ha avuto in successo notevole".

A margine dell'evento il concorso fotografico che invade il mondo social di Ford Nuova Assauto e Hyundai: verranno premiati i tre migliori click con altrettanti biglietti per un posto d'onore al prossimo Rally di San Marino. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore