/ CRONACA

CRONACA | 05 giugno 2019, 12:26

Tenta il gesto estremo, salvato dal comandante dei carabinieri di Crevacuore

Ritrovato in stato soporoso sulla riva del torrente Sessera, l'uomo è stato immediatamente soccorso dal 118.

Foto di repertorio

Foto di repertorio

E' stato trovato in stato soporoso, probabilmente dopo aver assunto diversi farmaci, il 43enne biellese scomparso da casa poche ora prima, nella serata di ieri. La compagna temendo il gesto anticonservativo, ha allertato il 112 poco dopo le 20,30 di ieri 4 giugno. Immediatamente si è messa in moto la macchina dei soccorsi. Diramate le generalità del 43enne biellese domiciliato a Torino e l'auto sulla quale si è allontanato, i carabinieri hanno avvisato la compagnia telefonica per localizzare il cellulare. Individuata l'auto parcheggiata a bordo strada, l'uomo è stato ritrovato dal comandante della stazione dell'Arma di Crevacuore, luogotenente Salvatore Casedda alle 22,30 in stato soporoso, sulla riva del torrente Sessera, in via Bocciodromo vicino al campo sportivo del paese. Sono giunte in breve tempo altre pattuglie del Norm di Cossato e dei militari della stazione di Mosso oltre ai vigili del fuoco e 118. Affidato alle cure mediche del personale dell'ambulanza del 118, il 43enne è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale. 

f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore