/ CRONACA

CRONACA | 24 maggio 2019, 12:24

Investimento: ancora un capriolo abbandonato morto sulla carreggiata senza allertare i soccorsi

L'animale è stato notato da un automobilista a Valle San Nicolao che ha avvertito i soccorsi telefonando al 112.

Investimento: ancora un capriolo abbandonato morto sulla carreggiata senza allertare i soccorsi

Sempre più frequenti i casi del ritrovamento di animali morti e abbandonati sulla carreggiata per possibili investimenti. E' capitato ieri notte alle 4 sulla strada provinciale 232 a Valle San Nicolao. Ad allertare i carabinieri è stato un automobilista che ha notato l'ungulato, ormai privo di vita, sul manto stradale. Sono stati avvisati gli operatori della provincia di Biella che hanno provveduto al recupero della carcassa. 

 

Il nuovo Codice della strada è chiaro quando si parla di investimento di uno o più animali, cavalli, cani, gatti o gabbiani che siano: “Si ha l’obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subito danno”. Chi decide di non fermarsi commette reato e la sanzione per questa mancanza prevede il pagamento di una somma di denaro. Diverse sono le motivazioni del mancato soccorso: uno tra tanti il caso che un'automobilista sia consapevole di non essere in regola, magari con un tasso alcolico elevato. 

LEGGI ANCHE: Investimento di capriolo tra Valdengo e Piatto: non fermarsi e soccorrerlo è reato

f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore