/ Biella motori

Biella motori | 24 maggio 2019, 08:57

1969-2019, 50 anni di Broccauto. Il titolare Massimo: “Grande emozione per tutti noi”

1969-2019, 50 anni di Broccauto. Il titolare Massimo: “Grande emozione per tutti noi”

Emozioni e ricordi per una tradizione che continua nel tempo, con dedizione, tenacia e professionalità. La passione per i motori si tramanda da generazioni nella famiglia Brocchi. Massimo e la sorella Federica insieme al papà Renzo e fondatore dell’autofficina Broccauto, hanno festeggiato il 50° anniversario aziendale lo scorso mese di aprile. Il raggiungimento di un traguardo importante e eccezionale grazie al duro lavoro svolto nel tempo con entusiasmo, che ha portato molte soddisfazioni sia a livello professionale che personale. Un elevato numero di visitatori, amici e clienti hanno voluto brindare con Massimo Brocchi, titolare dell’azienda, per il grande successo raggiunto, alla grande festa organizzata in collaborazione con DF EvenT, hanno preso parte anche i ragazzi del Club Autosheep.

Buongiorno Massimo, 1969-2019: quest’anno la vostra azienda ha compiuto 50 anni di attività, un grande successo e una bella festa. I suoi occhi brillano di emozione, cosa ha provato nel condividere con la sua famiglia e con i suoi amici e clienti questo importante anniversario?

Una grande gioia per tutti noi, una forte emozione per mio papà e non solo perché in questa occasione era circondato da bellissime ragazze ma soprattutto per i risultati raggiunti e i tanti amici presenti. Una grande festa anche perché dopo cinquant’anni abbiamo festeggiato la stessa azienda con la stessa famiglia e nello stesso comune, Candelo. Nonostante gli alti e bassi negli anni con costanza e sacrificio siamo ancora qui sempre più carichi e propositivi per soddisfare tutte le esigenze della nostra clientela.

Quando è nata l’azienda Broccauto e da chi è gestita oggi?

L’azienda nasce nel 1969 a Candelo, fondata dal papà Renzo Brocchi da cui ho ereditato la voglia di mettermi in gioco e la passione per i motori. Nel 1992 la prima ad entrare nella nostra attività di famiglia fu mia sorella Federica che ancora oggi si occupa della segreteria, dell’amministrazione e del rapporto con i clienti. Poco tempo dopo decisi di farne parte anch’io, come socio al 50% prima e come titolare unico dal 2003 con l’uscita dall’azienda di mio papà., anno in cui ho ereditato la gestione completa della attività.

La sua decisione di entrare in azienda come è stata accolta da papà Renzo?

Prima di lavorare con lui, ero dipendente in una nota officina biellese, il cosiddetto “posto sicuro”. Quando dissi a mio padre che mi sarebbe piaciuto rilevare la parte di società del suo ex socio uscente, mi consigliò di riflettere bene sulla mia scelta perché ovviamente contemplava dei rischi di impresa. Oggi, anche se è un uomo di poche parole so che è fiero del successo aziendale raggiunto. Nonostante sia andato in pensione, viene a trovarci tutti i giorni in officina, mettendo a disposizione la sua esperienza e i suoi validi consigli: lui mi ha insegnato tante cose davvero!

Il modo di lavorare e il rapporto con il cliente è cambiato nel tempo?

Sì, una volta i clienti lasciavano le loro vetture in officina in piena fiducia e gli interventi erano piuttosto semplici: riparazioni e sostituzioni di ammortizzatori, cambio delle candele. Oggi invece le auto sono costruite in modo complesso e i clienti ricercano informazioni di ogni tipo su internet. Quando ci consegnano l’auto dobbiamo conquistarci la loro fiducia.

Nel 2016 avete deciso di trasferirvi nella nuova sede in via Biella, 54. Un ampliamento aziendale importante nonostante i tempi di crisi. Perché avete fatto questa scelta?

La sede precedente era di piccole dimensioni, nel 2016 siamo passati da circa 200mq a 1000mq interni più un importante spazio esterno. Il lavoro fortunatamente è aumentato negli anni e gli spazi non erano più sufficienti. La nostra non è soltanto una azienda ma una vera e propria famiglia che svolge l’attività puntando a nuovi obiettivi importanti.

Quando è nata la sua passione per i motori e quale auto preferisce?

La mia passione è nata con me. All’età di sei mesi giocavo con le pagnotte sul tavolo e fingevo fossero auto da corsa. Smontavo le macchinine e poi le riparavo. Mi piacciono le auto a trazione posteriore, sono le più divertenti, di qualunque marca. Oltre al lavoro per i miei clienti, nei ritagli di tempo, mi occupo della mia Sierra Cosworth; la sto rimontando per tornare a divertirmi e a divertire come accadeva ai tempi quando partecipavo al Rally Storico del Lana.

Quali tipi di servizi si possono trovare nella vostra officina?

Ci occupiamo di vetture stradali, dal tagliando alla revisione dei motori, test e distribuzioni, compresa la diagnosi e l’elettronica. Servizio di cambio gomme stagionali e acquisto nuovi pneumatici, equilibratura, riparazione e deposito. Nel settore sportivo (rally storici e campionato italiano velocità fuoristrada) un addetto si occupa dell’assistenza sia in officina che nei campi gara. Collaboriamo inoltre da trentanni, con BIESSE Racing, una azienda specializzata nell’elaborazione centraline elettroniche del settore automotive. leader del settore. Loro realizzano il software e noi ci occupiamo della diagnostica.

Prima di salutarci, ci saranno novità e nuovi progetti nel futuro di Broccauto?

Certo! Il nostro obiettivo è fornire servizi sempre più specializzati ai nostri clienti. Per il nostro futuro ci piacerebbe inaugurare una sala prova con un dinamometro (banco rulli) per effettuare test dinamici, quali: potenza massima del motore, coppia motore, prove di durata, procedure rigenerative filtri antiparticolato, prove di consumo carburante, ricerca e sviluppo sul veicolo, verifiche funzionali sul mezzo e controllo qualità, simulazione stradale. Una ulteriore novità sarà il nuovo servizio di noleggio auto.

La sede dell’autofficina Broccauto si trova a Candelo in via Biella, 54.
Aperta tutti i giorni, dalle ore 8 alle 12 e dalle ore 14 alle 19, al sabato dalle ore 8 alle ore 12.

I.P. - Daniela Fresc

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore