/ Newsbiella Young

Che tempo fa

Cerca nel web

Newsbiella Young | 21 maggio 2019, 16:53

L’IIS Q. Sella tra gli organizzatori delle Olimpiadi di Problem Solving

Ottima prestazione degli studenti biellesi alla finale nazionale di Cesena

studenti biellesi

Le Olimpiadi di Problem Solving sono gare di logica, coding, informatica e makers, indette ogni anno dal MIUR che vedono l’IIS Q. Sella di Biella in prima fila nella loro organizzazione. La scuola biellese, da quando sono nate undici anni fa, ha quasi sempre gestito l’intero svolgimento delle gare. Un team di docenti e personale di segreteria, coordinato dal Dirigente scolastico Gianluca Spagnolo, in collaborazione con le Università di Bologna, Cesena e L’Aquila, si occupa dell’organizzazione dell’evento: dalla preparazione delle prove, allo svolgimento delle gare online, su una piattaforma interamente progettata e gestita dai docenti dell’ITI, alla logistica della finale che si tiene presso il Campus Universitario di Cesena.

Partecipano alla competizione studenti frequentanti le classi quarte e quinte della scuola primaria, le classi delle scuola secondaria di primo grado e le classi del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado. Quest’anno circa 700 scuole e 25000 studenti hanno partecipato alle varie fasi previste dal progetto. All’ITI, tra i circa venti studenti “allenati” dal prof. Martino Colucci, dopo le varie prove ha avuto la meglio la squadra degli “Scontati”, formata da Francesco Aiazzone, Elena Azario, Andrea Beltrami ed Edoardo Spataro, che successivamente si sono aggiudicati anche la fase regionale, accedendo di diritto alla finale.

A Cesena, i finalisti biellesi si sono classificati all’ottavo posto, con un ottimo punteggio, non molto distante da quello di chi ha conquistato il podio. La prova consisteva nella risoluzione di 13 problemi di logica e coding molto complessi; Francesco, Elena, Andrea ed Edoardo, nel corso delle varie fasi, hanno affinato le tecniche risolutive, scrivendo programmi in grado di aiutarli a risolvere i problemi e lavorando in gruppo con una sapiente suddivisione dei compiti in base alle competenze di ognuno.

Redazione NBY

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore