/ CULTURA E SPETTACOLI

CULTURA E SPETTACOLI | 16 maggio 2019, 07:50

Desterrats: vaganti contemporanei, mostra fotografica a Città Studi

mostra fotografica città studi

Stasera, giovedì 16 maggio, a Biella, a partire dalle 18, presso la Biblioteca di Città Studi, avrà luogo l'inaugurazione della mostra fotografica: “Desterrats: vaganti contemporanei”, contributo di immagini che intende sondare l’ampio fenomeno della mobilitazione totale che marca in maniera ormai quintessenziale la nostra epoca: ovvero quella dell’incontro tra vissuti e storie, che avviene là, oltre i rispettivi confini, una volta che cieli e mari sono stati solcati.

Il progetto fotografico “Desterrats: vaganti contemporanei”, nasce dall’esperienza “migratoria” del suo stesso autore – Matteo Rebuffa –, biellese di nascita che ha vissuto per oltre un decennio a Barcellona, intende sondare una provincia in particolare. Foto: Matteo Rebuffa, testo: Marco Capozzi, curator: Walter Ruffatto. Scatto dopo scatto, è possibile vedere comparire sui volti neutralizzati scorci urbani, paesaggi iridescenti, nonché coste lambite da acque mai dimenticate; uno dopo l’altro vediamo i ritratti colorarsi dei toni di un ricordo caldo e confortevole, scelto dai soggetti stessi, in cui risuona istantaneamente la temporalità e la profondità di ogni vissuto.

Nei ritratti, il fotografo rinuncia al potere espressivo degli occhi, che in tal senso appaiono in ogni immagine chiusi, assecondando la neutralità di uno sfondo e di un abbigliamento monocromatici. Con un gesto dalla marcata caratura metaforica e in seguito a questo forte depotenziamento, l’autore si inserisce piuttosto nello spazio di quell’interpretazione mancata, facendo comparire in sovrapposizione a ciascun soggetto ritratto un’immagine emblematica di quella parte dei “romanzi viventi” che si propone di rappresentare, che più da vicino rimanda alle loro origini lontane.

Eulalia Galanu (Su Nuraghe Biella)

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore