/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 07 maggio 2019, 17:30

Il ministro dell’Istruzione Bussetti in visita a Città Studi: “I biellesi aspirano ad avere una loro Università” FOTOGALLERY e VIDEO

“Complimenti a chi ha gestito finora Città Studi, il progetto dell’Its è il collegamento adatto al mondo del lavoro”. Il segretario provinciale della Lega, Michele Mosca: “Vorremo trasformarlo in una laurea professionalizzante, una soluzione concreta contro la crisi”.

visita ministro bussetti città studi

Foto di Studio Fighera

“Biella aspira ad avere una propria Università un giorno. Non vedo perché i biellesi non possano ambire a questo”. Così ha parlato il ministro all’Istruzione, Marco Bussetti, in visita oggi a Città Studi. Il Polo universitario racchiude al suo interno importanti atenei piemontesi con i rispettivi corsi di studio: Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino e Università del Piemonte Orientale.

La visita del ministro al Polo di Corso Pella è iniziata nella mattinata odierna nella piazzetta centrale del complesso: a guidarlo fuori e dentro l’edificio tante personalità di spicco legate al campus come il presidente di Città Studi Pier Ettore Pellerey, il presidente e direttore dell'Unione industriale Biellese Carlo Piacenza e Pier Francesco Corcione, insieme ai rappresentanti delle istituzioni, tra cui il prefetto di Biella Annunziata Gallo e il questore Nicola Alfredo Parisi, e i maggiori esponenti leghisti del nostro territorio, come la deputata Cristina Patelli e il segretario provinciale Michele Mosca. 

Durante l'incontro, è stata posta all’attenzione del ministro la candidatura di Biella al circuito internazionale di Città Creative Unesco e sono state elencate tutte le potenzialità del territorio. Dopo aver raccontato il passato e presente di Città Studi, con visita ai laboratori del Politecnico di Torino, al laboratorio di ricerca CNR-STIMA e alla sede dell'ITS TAM si è parlato delle nuove frontiere e progetti. Come trasportare il Polo Universitario Biellese nel futuro e i suoi studenti in una più facile immissione nel mondo del lavoro, con programmi studiati per aumentare le conoscenze tecniche specifiche. “Voglio fare i miei complimenti  – continua il ministro -, per quello che è stato fatto finora. I gestori del Campus hanno ben chiaro quale sia il processo virtuoso che genera benessere economico e lavorativo. L’Its è il collegamento adatto al mondo del lavoro”.

“Abbiamo portato il ministro a fare questa visita – spiega il segretario provinciale della Lega e candidato consigliere alle regionali di maggio, Michele Mosca -, perché vogliamo che il Campus cresca e contribuisca alla rinascita del territorio biellese. Sembra assurdo ma neanche i biellesi sono al corrente delle eccellenze che contiene Città Studi. Chiediamo al ministro di prestare attenzione alla programmazione dell’Its per ottenere un respiro a livello finanziario di almeno tre anni al fine di lavorare bene e di impostare le attività didattiche in maniera corretta. Chiediamo anche attenzione all’alta formazione: vorremmo aggiungere il terzo anno all’Its per trasformarlo in una laurea professionalizzante. Questo progetto se concretizzato sarebbe una delle possibilità per contribuire alla rinascita delle nostre aziende, che hanno tanta richiesta di tecnici, in un Biellese che soffre della crisi ormai da troppi anni”.

a.z. /g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore