Elezioni Comune di Biella

 / ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 18 aprile 2019, 07:00

Online il sito “Piccoli comuni”, frutto della collaborazione tra Poste Italiane e i sindaci

Tutti gli aggiornamenti sugli impegni e i progetti dell'azienda per i comuni con meno di 5mila abitanti. Una bella notizia che ANCI saluta con favore.

Online il sito “Piccoli comuni”, frutto della collaborazione tra Poste Italiane e i sindaci

Poste Italiane: online il sito “Piccoli comuni” frutto della collaborazione tra l'azienda e i sindaci Un sito dedicato ai piccoli Comuni con tutti gli aggiornamenti sugli impegni e i progetti di Poste Italiane per i Comuni con meno di 5mila abitanti. Una  bella notizia che ANCI saluta con favore, perché va verso la concretizzazione dell’impegno assunto da Poste Italiane lo scorso mese di novembre a Roma. "Il portale è frutto della collaborazione tra l'azienda e i sindaci. Abbiamo lavorato in modo serrato con Poste, mettendoci tutta la conoscenza dei territori e rappresentandone bisogni e necessità, elementi di cui le Poste stanno facendo tesoro”, dicono il coordinatore nazionale della Consulta Piccoli Comuni ANCI Massimo Castelli ve quello regionale Gianluca Forno.

Il sito dedicato ai piccoli Comuni aggiorna in tempo reale gli obiettivi del programma in corso di realizzazione nelle migliaia di Comuni con meno di 5.000 abitanti.Accanto alla conferma dell’impegno a non chiudere alcun Ufficio Postale nei piccoli Comuni, il nuovo portale dà notizia dell'avvenuta installazione di 102 nuovi ATM Postamat in altrettanti Comuni, di 1.817 nuove cassette postali in 1.278 Comuni, di 1.304 spot WI-FI in 1.211 Comuni, di 938 impianti di videosorveglianza in 477 Comuni, dell’abbattimento di 157 barriere architettoniche in 151 Comuni, nonché della creazione di un ufficio centrale dedicato al dialogo con i piccoli Comuni.“Il nostro impegno concreto e tangibile a favore delle comunità dei piccoli Comuni – ha detto l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante – conferma il ruolo strategico della capillarità della nostra rete al servizio dei cittadini, delle imprese e degli enti locali.

Nell’incontro del novembre scorso avevamo promesso maggiore efficienza nei nostri 12.800 uffici postali presso i quali accogliamo ogni giorno 1,5 milioni di persone: con il portale dedicato a questo progetto vogliamo dare conto, giorno dopo giorno, in modo trasparente e immediato della realizzazione dei nostri obiettivi e delle nostre promesse”.Il nuovo sito ospita una prima sezione dedicata ai “dati in evidenza”, contenente i più importanti dati aggregati per ciascun impegno soddisfatto, e periodicamente aggiornata con l’avanzamento del programma;  una seconda sezione riepiloga gli “impegni in dettaglio”, con una panoramica su tutte le iniziative che compongono il programma; una terza sezione “cerca Comune”, offre invece la possibilità di visualizzare gli impegni realizzati per ciascuno delle migliaia dei piccoli Comuni: basta digitare il nome del Comune e in tempo reale appare l’aggiornamento. Presente infine una quarta sezione di “news”, che raccoglie una rassegna multimediale delle notizie principali dedicate al progetto.

Il portale misura in modo trasparente la realizzazione concreta del Programma dal dialogo diretto e permanente che Poste Italiane ha voluto avviare con il territorio e culminato nell’incontro dell’autunno scorso a Roma, alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, del Ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno e del Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze Laura Castelli, in collaborazione con ANCI e UNCEM.“Confidiamo - commentano Gianluca Forno e Massimo Castelli - che il rapporto di collaborazione con Poste possa essere sempre più dinamico. Da parte nostra continuiamo a dare ogni supporto perché venga salvaguardato un servizio che è ritenuto a ragione indispensabile, un presidio dello Stato per la gran parte del Paese".

comunicato f.f.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore