/ Valli Mosso e Sessera

Valli Mosso e Sessera | 17 aprile 2019, 08:00

50 soci all'assemblea nella nuova sede del Gruppo di Volontariato Valle San Nicolao

valle san nicolao

Si è svolta sabato scorso 13 aprile, nella nuova sede, presso i locali dell’oratorio parrocchiale, l'assemblea sociale del Gruppo di Volontariato Valle San Nicolao che ha visto la partecipazione di una cinquantina di soci. Durante la riunione è stato approvato all’unanimità il bilancio consuntivo e quello di previsione, unitamente alla relazione sociale del presidente sulle attività dell’anno appena concluso e sulle proposte operative per il 2019.

Interessante il dibattito sui temi del volontariato e dell’impegno di solidarietà e inclusione che è stato arricchito anche dagli interventi del sindaco di Valle San Nicolao e del presidente del Cissabo, Stefano Ceffa. Al termine è stato rinnovato anche il Collegio dei Revisori dei conti, con la riconferma, per il prossimo triennio di Grazia Lanza e Elena Nicolo. Successivamente si è poi tenuta l’assemblea straordinaria per l’approvazione del nuovo statuto dell’associazione, con le modifiche che sono state rese necessarie per adeguarsi agli adempimenti richiesti dal decreto legislativo 117 del 2017, cioè dalle norme di riforma del volontariato e del Terzo settore. In particolare il nuovo statuto del Gruppo di Volontariato Valle San Nicolao, approvato all’unanimità dall’assemblea straordinaria, ha ampliato e meglio disciplinato le forme di partecipazione dei soci e inserito tutte le novità richieste dai nuovi testi di legge.

Il documento ha inoltre riconfermato tutte le specifiche peculiarità dell’associazione il cui scopo sociale è di operare con attività non occasionali di volontariato in ambito sociale, assistenziale e culturale, attraverso prestazioni gratuite fornite dagli aderenti senza discriminazione alcuna. L’associazione, come specificato nello statuto, persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile e culturale per la promozione della qualità della vita nel proprio territorio, senza distinzione di etnia, sesso, religione, condizione sociale, nazionalità, appartenenza politica o ideologica a favore di persone in stato di bisogno, anche temporaneo, di anziani, minori, disabili e di chi è in condizione di emarginazione e di difficoltà economica o socio-sanitaria.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore