Elezioni Comune di Biella

 / Music Cafè

Che tempo fa

Cerca nel web

Music Cafè | 08 aprile 2019, 07:40

Domani, al Biella Jazz Club, suonerà Alex Bioli e il suo quartetto

biella jazz club

Dopo il successo di martedì scorso con  Timeline3 é  la volta di Alex Bioli e il suo quartetto a calcare il palco del Biella Jazz Club martedi 9 aprile alle 21.30. Sassofonista attivo da anni sul territorio nazionale e internazionale, con 7 album di inediti, si presenta al BJC con un repertorio di classici dagli anni 70 agli anni 90 del jazz d’avanguardia, passando dalle sonorità solide della tradizione ai giganti contemporanei, da Davis a Jarrett, la via maestra per il futuro jazzistico del quartetto. 

Sono molte e diverse fra loro le esperienze che hanno formato nel tempo l'artista di oggi, tutte accomunate dal desiderio di raccontarsi attraverso le note, scoprendo e svelando ogni loro sfumatura. Alex Bioli è da sempre inebriato da un'innata passione per la musica e il palcoscenico che decide di coltivare dedicandosi, dalla fine degli anni ottanta, agli studi di sassofono, canto e teatro: frequenta corsi presso istituti professionali, prende lezioni private e partecipa a stages di perfezionamento. Nel 1991 vince il premio Rino Gaetano classificandosi al primo posto nella selezione dei nuovi artisti. Negli stessi anni inizia la sua carriera di sassofonista. Esordisce come turnista nell'ambito della musica pop.

Questa esperienza lo porta a girare il mondo, a conoscere i grandi palcoscenici, ad apparire in tv, a vivere la vita con il sax sulla spalla e la valigia in mano. Si consolida la sua consapevolezza che solo le note siano in grado di regalare le più grandi emozioni. L'amore per la musica jazz arriva qualche anno più tardi, ma è folgorante. Lo porta ad abbandonare l'attività di turnista e compositori come Chet Baker e Miles Davis diventano il suo pane quotidiano. Intensifica gli studi jazz, collabora con numerosi musicisti e si esibisce con performances live in club e festival jazz. Nel 2006, dopo quattro anni di attività nel mondo del jazz, presenta "Circle Trip", il suo primo album composto di brani inediti, una ballad del grande bassista Stefano Cerri e una cover omaggio a Mina.

E' un disco dalle sonorità raffinate e originali, capace di fondere capacità tecnica e passione per la musica. Alla fine del 2010 decide di registrare il suo secondo album durante una performance live: un disco di standards tra bebop e lo swing degli anni della rivoluzione culturale, passando da Coltrane a Davis, sulla strada che porta all'hard bop. Ne risulta un lavoro sincero, senza ripensamenti, autoprodotto come il primo. Attualmente lavora alla stesura del terzo disco col quale si propone di valicare certe atmosfere per scoprire, in sinergia con i musicisti con cui collaborerà, un sound semplice ma efficace. Accompagneranno Alex Bioli in questo viaggio: Marco Zanoli alla batteria ,Thomas Rosenfeld  al pianoforte e Livio Nasi  al contrabbasso. Quattro musicisti che insieme scatenano sul palco energia e poesia.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore