/ SPORT

SPORT | 22 marzo 2019, 16:16

Boxe: argento tricolore e convocazione azzurra per la 13enne Matilde Ferraris

Grande soddisfazione per la giovane atleta e tutto lo staff della Pugilistica Biella Boxe.

Boxe: argento tricolore e convocazione azzurra per la 13enne Matilde Ferraris

Medaglia d’argento ai campionati italiani giovanili di Roccaforte di Mondovì e convocazione in Nazionale nella storica sede di Santa Maria degli Angeli (Assisi) per Matilde Ferraris, giovanissima atleta (ha solo 13 anni) della Pugilistica Biella Boxe, allenata dal tecnico nazionale Vincenzo Frascella. Matilde, che si allena nella palestra allestita al palazzetto dello sport di via Pajetta, ha partecipato ai campionati nella categoria superiore per questione di peso, ma ha lo stesso messo in mostra le proprie notevoli caratteristiche fatte di ottimo movimento dei piedi, tecnica superlativa e colpo d’occhio da atleta più evoluta, che le hanno permesso di giungere in finale dove ha incrociato i guantoni contro la fortissima atleta rappresentate della Puglia, Mariagrazia Lambo, che ha alla fine avuto ragione della biellese al termine di un match intenso nel quale ha prevalso non tanto la tecnica quanto la prestanza fisica della pugliese.

In semifinale, invece, Matilde Ferraris era riuscita a sconfiggere al termine di un match molto bello ed equilibrato, Amira Saif, della società Vco Boxing Club. La biellese, che nell’ultimo anno in giovanile prima di approdare al “contatto pieno” si era aggiudicata il bronzo al Trofeo Coni di Rimini, è stata costretta a combattere nella categoria superiore per il ritiro all’ultimo momento dell’atleta napoletana Francesca Pia Vaccaro, anche lei convocata in Nazionale dal Tecnico responsabile, Emanuele Renzini. Le ragazze saranno seguite negli allenamenti di questo fine settimana anche dall’ex campionessa Valeria Calabrese e dall’indimenticato campione mondiale pro, Gianfranco Rosi.

comunicato f.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore