/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 22 marzo 2019, 12:31

A Pralungo la memoria dei bambini vittime di mafia è incisa sulle foglie di un albero FOTOGALLERY

pralungo vittime mafia

Primo giorno di primavera a Pralungo: nel cortile della scuola è spuntato un albero le cui foglie riportano i nomi di 123 bambini vittime innocenti delle mafie, il cui ricordo è alimentato dagli allievi della terza media con la collaborazione dei “colleghi” di quinta elementare. Il 21 marzo è infatti la giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che purtroppo sono ormai quasi 1000.

I nomi ricordati sulle foglie sono quelli dei bambini che si sono trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato come l'americano Nicholas Green, che tutti ricordano perché con la donazione dei suoi organi ha aiutato altre 7 persone, o come il dodicenne Giuseppe Di Matteo, figlio di un collaboratore di giustizia, sciolto nell'acido, o la piccolissima Caterina Nencioni di soli 53 giorni, morta nella strage dei Georgofili a Firenze nel 1993.

La giornata si è conclusa con il progetto di educazione alla legalità che Libera ha tenuto agli allievi di terza media che con il loro albero “vogliono richiamare a tutti i passanti di Pralungo l'importanza della memoria condivisa, invitare a riflettere su un fenomeno purtroppo ancora attuale e ricordare che la mafia uccide anche i bambini”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore