/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 22 marzo 2019, 16:24

Presa: "Risorse idriche non infinite. Serve risparmio e sensibilizzazione"

In occasione della giornata mondiale dell'acqua, riflessione del presidente di Ato 2

Diego Presa

Diego Presa

Riceviamo e pubblichiamo:

"L’acqua è sinonimo di vita. Da essa ha avuto origine la vita sul nostro pianeta e senza di essa cesserebbe di esistere. Il nostro corpo è composto per due terzi da acqua, come la Terra.  La Giornata mondiale dell’acqua evidenzia l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla. Il 22 marzo 2019 si celebra simbolicamente questo indispensabile elemento, si festeggia infatti la Giornata mondiale dell’acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1993 per evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Sono infatti circa 750 milioni, secondo l’Unicef, le persone nel mondo che non hanno accesso all’acqua potabile".

"L’abbiamo troppo spesso data per scontata, ma l’acqua non è una risorsa infinita. Ad essa sono legati il clima, l’agricoltura, la salute e la vita stessa del pianeta. I danni ambientali, gli effetti sempre più ricorrenti dei cambiamenti climatici stanno accentuando nel mondo le crisi idriche legate alla disponibilità ed accesso all'acqua potabile, ma anche danni derivanti da inondazioni e siccità. Il ciclo naturale dell’acqua è sempre di più messo in crisi e conseguentemente si riduce la disponibilità di acqua dolce di cui abbiamo bisogno per sopravvivere e prosperare e si assiste ad un depauperamento dei suoli, dei fiumi, dei laghi e quindi dei nostri ecosistemi".

"L’Autorità d’Ambito che si occupa del ciclo idrico integrato per il Biellese, Vercellese e Casalese a nome del suo presidente Diego Presa, sta affrontando e monitorando questo periodo estremamente siccitoso e vuol far comprender che pur risiedendo in un territorio con grandi diponibilità di risorse idriche non sempre queste sono sufficienti a soddisfare tutti. La sensibilità e l’attenzione sul tema è molta e soprattutto è necessario reperire le risorse finanziarie utili al sistema idrico per superare le criticità in questo campo, quindi la giornata del 22 marzo è un momento di riflessione comune di chi opera nel sistema, per raggiungere obiettivi di aggregazione che permettano il raggiungimento dell’efficienza e dell’economicità richiesti a tutela e per l’uguaglianza di tutti i cittadini".

Diego Presa (Presidente - Ato 2)

Comunicato stampa - l.b.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore