/ SPORT

SPORT | 18 marzo 2019, 14:43

La mancata neve non ferma la spettacolare salita al Rifugio Savoia FOTOGALLERY

salita rifugio savoia

Foto Giuliano Fighera

Anche senza neve la salita serale al Rifugio Savoia, gara non competitiva che negli scorsi tre anni ha visto sfidarsi tanti atleti su sci e ciaspole, non si è fermata e ha coronato la sua quarta edizione su roccia ed erba. In un primo momento l’organizzazione era decisa ad annullare l’evento in assenza di manto nevoso, ma poi i piani sono cambiati: Roberto del Rifugio Savoia ha spinto per non cancellare un momento di festa e di sport tra le montagne del territorio. Sabato sera, circa 80 persone si sono presentate alla pista di pattinaggio dove è partita la gara, quasi un quarto rispetto agli iscritti dell’anno scorso (circa 300), ma la causa è tutta imputabile all’assenza di neve.

“La serata è comunque stata spettacolare – commenta Paolo Boggio dell’organizzazione – Il cielo era talmente limpido da vedere l’atterraggio degli aerei a Malpensa. La neve ci è mancata, ma è stato comunque un successo per noi”. Il percorso è stato leggermente accorciato, con la neve si arrivava fino al lago del Mucrone per poi scendere verso il Rifugio mentre quest’anno la tappa al lago è stata cancellata.

I primi tre classificati per la categoria maschile sono i giovani fratelli dello Zegna Francesco e Gabriele Nicola, rispettivamente primo e terzo. Francesco anno 1996 ha chiuso con un tempo di 31:15 minuti mentre Gabriele in 41:40. Secondo classificato è invece Enrico Alfisi, classe 1986, con un buon 38:42 minuti. Nella classifica femminile è arrivata prima Angelica Bernardi del Biella Running, l’atleta del 1998 ha vinto con un tempo di 45:54 minuti. Seconda e terza due atlete dell’Atletica Candelo, Pamela Bertoli e Sabrina Martelli. Pamela, del 1975, ha chiuso in 57:49 minuti mentre Sabrina, classe 1974, 58:39 minuti.

a.z.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore