/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 16 marzo 2019, 11:30

Biella Gaming 2: i rapinatori erano tre e pistola alla mano hanno portato via il denaro

Indagini in corso nel più stretto riserbo degli investigatori. Diverse migliaia di euro portate via tra la paura delle due dipendenti e dei clienti del locale di Gaglianico.

Biella Gaming 2: i rapinatori erano tre e pistola alla mano hanno portato via il denaro

"Fermi tutti, questa è una rapina. Vogliamo i soldi". Ieri sera, venerdì 15 marzo alle 19,40, tre uomini muniti di casco e guanti, sono entrati, pistola alla mano, al Biella Gaming 2 di via Matteotti a Gaglianico, pronunciando la frase, quasi come si stesse girando la scena di un film. All'interno del locale erano presenti due ragazze dipendenti e in sala alcuni clienti. Momenti di panico tra i presenti, rimasti immobili con il sangue gelato nelle vene per la presenza delle pistole in pugno ai malviventi. Potrebbero essere in due i rapinatori che, dopo aver scavalcato il bancone, sono entrati nel piccolo ufficio facendosi consegnare tutto il denaro contante. Uno sarebbe rimasto ad attendere nella sala per controllare che i clienti restassero immobili. Non eseguissero qualche gesto inappropriato.

Un'operazione veloce, durata pochi minuti, che ha fruttato diverse migliaia di euro. E' ancora in corso di valutazione l'esatto quantitativo portato via. I rapinatori poi sono usciti dal locale e si sono dileguati nel buio della serata. Resta da capire se la fuga sia avvenuta in auto o in moto così come una possibile presenza di una quarto elemento della banda. Immediatamente dato l'allarme sono giunte a Gaglianico diverse pattuglie dei carabinieri con a capo il comandante del nucleo investigativo, Massimo Colazzo. In questo momento i militari stanno vagliando tutti i particolari: dalle telecamere presenti nel locale, a quelle di video sorveglianza posizionate nelle vicinanze, alla minuziosa verifica dell'abbigliamento dei rapinatori. Ogni elemento potrebbe risultare fondamentale.

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore