/ Music Cafè

Che tempo fa

Cerca nel web

Music Cafè | 14 marzo 2019, 10:17

Sold out al Sociale per Emiliano Toso, raccolti quasi 4mila euro per la ricerca

emiliano toso

Ha risposto presente il pubblico di Emiliano Toso, il pianista-biologo biellese che ha suonato per la seconda volta nella sua carriera al teatro Sociale Villani e lo ha fatto, come nel suo esordio nella città natale del novembre 2017, con l'obiettivo di sostenere il lavoro del Fondo Edo Tempia. Cinquecento spettatori hanno partecipato al concerto di martedì 12 marzo, i cui posti erano andati esauriti in largo anticipo (l'ingresso era gratuito ma con prenotazione obbligatoria). E soprattutto hanno partecipato alla raccolta di fondi, lasciando la loro offerta nell'atrio del teatro: il bilancio della serata è di 3.946 euro donati dagli spettatori.  

Si tratta di risorse che saranno destinate alla ricerca sul tumore al seno. Sosterranno infatti il progetto 3Tx3N, illustrato prima del concerto da Francesca Crivelli, responsabile della struttura di ricerca clinica, una delle tre “teste” che guidano lo studio che coinvolge anche i laboratori di genomica e di oncologia molecolare della Fondazione Tempia. Caratteristica del progetto, che lavora a una diagnosi migliore e a una cura più efficace contro i tumori al seno cosiddetti tripli negativi, è di essere rivolto alle donne ma anche guidato da donne. Insieme a Francesca Crivelli, le responsabili dei due laboratori sono Giovanna Chiorino e Maria Scatolini.  

E una voce femminile, quella della presidente della Fondazione Tempia Viola Erdini, ha introdotto la serata del teatro Sociale Villani, ringraziando sia il pubblico per la partecipazione entusiasta, sia Emiliano Toso per la collaborazione. Il musicista-biologo è rimasto sul palco per circa due ore, accompagnato dalla violoncellista Lorena Borsetti, dalla violinista Nataliya Nykolahyishyn e dalla ballerina Alice Serra, alternando le note dei brani contenuti nel suo ultimo disco “Love seeds”, pubblicato in autunno, al racconto della genesi e dei benefici della “translational music”, il suo progetto nato nel 2013 e volto a favorire il benessere fisico, emozionale e spirituale, il rilassamento, la meditazione, il sonno, la creatività, l’espressione di emozioni profonde. La serata ha avuto il sostegno della Parafarmacia San Biagio.

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore