/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 14 marzo 2019, 17:03

Vitale Barberis Canonico, proseguono i sopralluoghi. Ferito non è in pericolo di vita FOTOGALLERY

L'uomo si stava occupando della manutenzione di un combustore del sistema lavorativo dell'azienda quando è stato travolto dalle fiamme. Ora è ricoverato al CTO di Torino per ustioni di terzo grado sulla maggior parte del corpo, ma non è in pericolo di vita. Procedono le indagini: tutto rimane nel più stretto riserbo della Procura di Biella

incendio vitale barberis canonico

Foto Giuliano Fighera

Aggiornamento del 14 marzo:

Sono stabili le condizioni del lavoratore investito dalle fiamme: avrebbe riportato ustioni di terzo grado sul corpo mentre il viso non sarebbe stato colpito. Il 30enne è grave ma non è in pericolo di vita. L'altro uomo intossicato dai fumi è ricoverato all'ospedale, in osservazione; stamattina sono state raccolte le sue prime deposizioni. In azienda è stata invece una giornata di sopralluoghi e verifiche mirati ad approfondimenti e a stabilire eventuali anomalie nei sistemi di sicurezza o possibile disattivazione del macchinario. Tutto rimane nel più stretto riserbo della Procura di Biella.

Aggiornamento delle ore 15:

Il giovane 30enne è stato travolto dalle fiamme mentre stava facendo manutenzione al macchinario. Per le gravi ustioni riportate su tutto il corpo è stato trasportato dall'elisoccorso al CTO di Torino. Uno dei suoi colleghi, accorso in suo aiuto, è invece rimasto intossicato dal fumo ed è stato trasportato all'ospedale di Ponderano in codice giallo. 

Ore 11,30:

Sembrerebbe partito da un combustore del sistema lavorativo l'incendio divampato poco fa, intorno alle 11 di questa mattina, al Lanificio Vitale Barberis Canonico di Pratrivero, in via Diagonale. Uno dei dipendenti, un uomo di circa 30 anni, è rimasto intossicato dal fumo e per questo trasportato in ospedale dall'elisoccorso del 118. Alcuni testimoni hanno anche affermato di aver sentito un'esplosione. Nel frattempo, i Vigili del fuoco del comando provinciale di Biella e del distaccamento volontario di Trivero Ponzone stanno lavorando per spegnere il rogo, muniti di autoprotettori, apparecchi di respirazione che permettono agli operatori di muoversi in libertà e allo stesso tempo di proteggersi dal denso fumo. Per motivi di sicurezza la fabbrica è stata evacuata. A regolare la viabilità gli agenti della Polizia Locale.

Seguiranno eventuali aggiornamenti.

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore