/ COSTUME E SOCIETÀ

COSTUME E SOCIETÀ | 07 marzo 2019, 09:47

Sinergie Museali in Valle Cervo

sinergie valle cervo

Da qualche tempo c’è fermento in tutta la Valle del Cervo. Tutte le persone che si occupano delle cellule appartenenti al territorio della Comunità Montana Valle del Cervo- La Bürsch si sono incontrate più volte nell’inverno per creare legami e programmare attività insieme.

Sulla scia di un progetto di sviluppo turistico, recentemente ammesso a contributo europeo dal GAL Montagne Biellesi , che ha come protagonisti in collaborazione i Comuni di Miagliano, Sagliano Micca, Campiglia Cervo, Rosazza e il Consorzio Montagne Biellesi (ex Oasi Zegna) si è tentato di ampliare la cooperazione per la valorizzazione del nostro territorio ricco di risorse ma ancora da potenziare dal punto di vista turistico. Dalla più longeva Casa Museo dell’Alta Valle del Cervo a Rosazza è partito il primo invito ad un incontro rivolto ai responsabili delle altre numerose realtà : San Giovanni d’Andorno (Biblioteca Sacrestia ecc), Sagliano Micca (Casa Natale di Pietro Micca), Miagliano (Lanificio Botto e Villaggio operaio), Ronco (Ecomuseo della terracotta), Pralungo (Atelier dello scultore Massimo Perino a Sant’Eurosia).

Individuata la sede degli incontri presso il Municipio di Sagliano, si sono raccolti sindaci e presidenti o rappresentanti delle associazioni oltre ad alcuni giovani operatori della rete museale che durante l’estate hanno prestato servizio. E’ stato necessario per conoscersi vicendevolmente, presentare la variegata tipologia dei musei, del pubblico, delle attività che vi si svolgono, per poi passare a formulare proposte che potessero coinvolgere tutti. Il gruppo, molto propositivo, ha invitato ad un successivo incontro Barbara Greggio del Consorzio Alpi Biellesi e Michele Colombo del Gal , per aprirsi e chiedere l’appoggio a realtà più strutturate che potranno venire in aiuto al progetto e non solo con i preziosi consigli che intanto generosamente sono stati elargiti.

“La realtà che si sta creando – spiegano - collegialmente battezzata Sinergie Museali in Valle Cervo, non è in contrapposizione alla Rete Museale Biellese che sul territorio provinciale coordina ben 36 realtà fornendo informazione a 360 gradi ai media e sui social insieme all’indispensabile servizio per la preparazione e l’organizzazione dei giovani che presidiano durante le domeniche di apertura in tutte le cellule; ma sarà localizzata solo all’area suddetta ed improntata, per ora, a creare programmi comuni come passeggiate guidate durante l’arco dell’estate ed eventi teatrali che la compagnia Storie di Piazza rappresenterà nei vari luoghi coinvolti”.

“Non mancheranno – proseguono - una locandina ed una cartolina che permetterà ai visitatori di ogni Museo Valligiano di aver sottomano i riferimenti delle cellule museali piu’ vicine completate di indicazioni stradali, recapiti e brevi informazioni. Siamo davvero soddisfatti del veloce progredire del lavoro di gruppo che ha permesso di partire dalla semplice conoscenza vicendevole per giungere al coordinamento di proposte concrete. E siamo solo all’inizio: l’ambizioso obiettivo a medio o lungo termine è di poter offrire pacchetti turistici da vendere alle agenzie ed agli operatori turistici italiani e stranieri”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore