Elezioni Comune di Biella

 / Newsbiella Young

Che tempo fa

Cerca nel web

Newsbiella Young | 26 febbraio 2019, 17:35

All'alberghiero di Cavaglià lezione con lo chef Tonino Angiulli

chef alberghiero cavaglià

Lunedì 11 febbraio lo chef Tonino Angiulli è stato in visita all’alberghiero di Cavaglià. La visita è stata organizzata dal professor Andrea Botalla, conoscente da anni dello chef, ormai in pensione, che ha portato la prima stella Michelin del periodo moderno nel biellese. Lo chef si è subito reso disponibile per la lezione agli studenti, che sono stati molto entusiasti di accogliere una personalità così importante del mondo gastronomico. Ha inoltre dichiarato di essere molto contento di essere stato invitato e uno dei suoi più grandi rammarichi è quello di non aver trasmesso il suo sapere e la sua passione ai giovani aspiranti cuochi.

Angiulli ha raccontato la sua storia e ha dispensato consigli culinari agli allievi, che hanno poi rilasciato alcuni loro pareri sul personaggio in visita e uno di questi è stato dire come siano stati colpiti dall’inizio di carriera dello chef, che è partito dal lavare le stoviglie fino ad arrivare ad essere uno dei migliori del Piemonte. Alcuni dei consigli dati ai futuri chef sono stati i seguenti: dal pesce che va “rispettato” (deve essere cucinato senza vassalli così che possa essere gustato a pieno), alla carne che deve essere cotta a bassa temperatura e per molte ore in modo da renderla più tenera, esalta anche la cottura alla griglia che rappresenta il passaggio dal crudo al cotto, la verdura la utilizzava come contorno alla carne e al pesce e la serviva o lessata o al forno e infine per il dolce ne consiglia uno non opprimente ma a completamento del pasto e che sia leggero.

Una delle prime lezioni che ha dato agli alunni è stata quella di cercare di risparmiare il più possibile in tutto quello che fanno e che producono, perché l’acqua, il gas, la luce ecc… hanno un costo e un giorno futuro anche loro si ritroveranno a pagare le bollette del loro ristorante. Alla domanda su quali siano le realtà migliori nel biellese al giorno d’oggi Angiulli risponde che, per quelli che conosce lui, purtroppo non sono molte, ma che la situazione sta pian piano migliorando. Purtroppo lui dice di non poter dare molti consigli ai ristoratori di oggi perché pensa di non essere più al passo coi tempi, la ristorazione è cambiata e anche le esigenze dei consumatori sono diverse rispetto ai tempi in cui lavorava.

Ricorda anche la sua filosofia che dice “non si mangia mai meglio rispetto a come si mangia a casa propria”. Secondo lui è meglio penalizzare la bontà del cibo a favore della digeribilità di esso perché un cibo può anche essere buono, ma se poi non lo digerisco, non ne rimango soddisfatto. Questa riflessione va in contrasto con l’idea dello chef Veronelli, che diceva che è meglio mangiar molto bene anche a costo di non digerire completamente il tutto.

Lorenzo Negri e Francesco Giovanni Ferraro NBY

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore