/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 23 febbraio 2019, 07:00

Roberto Pella (ANCI): "Sindaci a Montecitorio, iniziativa di valore in clima di sfiducia"

I commenti dei primi cittadini Carla Moglia, Paolo Maggia e Emanuele Ramella Pralungo.

Roberto Pella (ANCI): "Sindaci a Montecitorio, iniziativa di valore in clima di sfiducia"

Diversi i sindaci biellesi a Roma e l'iniziativa Sindaci a Montecitorio, quest'anno dedicata allo "Stato dei beni Comuni", si conferma un momento molto atteso e partecipato, un momento di saldatura tra livelli istituzionali e di profonda condivisione rispetto alla responsabilità che sostanzia ogni mandato politico. Come il Presidente Mattarella sottolinea in occasione di ogni Assemblea annuale ANCI, i Comuni sono le istituzioni più vicine ai cittadini, il tessuto connettivo dei territori e delle comunità, forniscono servizi essenziali e contribuiscono alla gestione dei beni comuni.

"Stiamo vivendo un tempo complesso e complicato -commenta l'onorevole e sindaco di Valdengo Roberto Pella- anche sul piano della qualità della rappresentanza politica e della fiducia nelle capacità della politica di ascoltare e comprendere le istanze dei cittadini ma, a livello locale, stiamo anche assistendo alla nascita di sperimentazioni creative e di processi innovativi di progettazione partecipata che emergono dalla società civile e che sono espressioni della Politica con la P maiuscola. E sono proprio questi progetti a dimostrarci che la sostenibilità e i principi di sviluppo sostenibile non sono affatto un limite ma, al contrario, incoraggiano le innovazioni e le visioni coraggiose dei Sindaci e degli Amministratori locali che le guidano".

Tra i sindaci biellesi presenti, oltre a Roberto Pella (Valdengo) spiccano Mauro Fangazio (Casapinta), Francesco Vettoretto (Ternengo), Elena Rocchi (Graglia), Carla Moglia (Ronco), Lorenzo Vercellotti (Callabiana), Giancarlo Borsoi (Cavaglià), Paolo Maggia (Gaglianico), Emanuele Ramella Pralungo (Occhieppo Superiore), Claudio Corradino (Cossato), Elisa Pollero (Gifflenga), Gian Matteo Passuello (Pray), Davide Cappio (Strona), vice sindaco Gloria Trione (Mongrando), Davide Buzzi Langhi (Curino).

Il commento di alcuni sindaci biellesi presenti a Montecitorio venerdì 22 febbraio.

Carla Moglia (Ronco)."Interventi interessanti e istruttivi. Il presidente della Camera Roberto Fico ha confermato che faremo altri incontri e terranno conto delle nostre osservazioni. Il bene comune è stato messo sotto la lente negli interventi, è un qualcosa di tutti e che tutti devono usufruire: cultura e istruzione".

Paolo Maggia (Gaglianico). "Un'emozione essere qui a Roma per rappresentare i miei cittadini, l'essere dove vengono prese decisioni importanti e l'essere uno dei 600 sindaci presenti a Roma. Tema principale è stato il bene comune e sono state tante le discussioni. Da parte nostra abbiamo chiesto aiuto concreto nel mantenimento. Alla fine lo Stato ci vede come controparte ma invece siamo e deve considerarci un tassello reale".

Emanuele Ramella Pralungo (Occhieppo Superiore). "E' sempre una certa emozione essere seduto su questi banchi. Una mattinata molto interessante con il bene comune al centro dell'attenzione. La voce dei comuni - ed eravamo in tanti oltre alla nostra delegazione biellese - si è fatta sentire. Bisogna capire che i comuni contribuiscono alla gestione dei beni comuni".

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore