Elezioni Comune di Biella

 / Benessere e Salute

Che tempo fa

Cerca nel web

Benessere e Salute | 20 febbraio 2019, 09:27

Regione: Saitta, "Nessun licenziamento al 118"

Regione: Saitta, "Nessun licenziamento al 118"

“Rincresce che un’operazione come quella messa in atto dalla Regione per consentire la stabilizzazione dei medici che prestano servizio sulle ambulanze del 118 con contratti a tempo determinato sia stata impugnata dal Governo, scatenando dubbi e angosce nei lavoratori che ne avrebbero beneficiato. La Regione, comunque, non si arrende e nessuno di loro verrà licenziato”. Lo ha dichiarato l’assessore alla Sanità Antonio Saitta nel corso della comunicazione, richiesta dal gruppo Leu, sull’impugnativa dell’articolo 135 della legge regionale 19/2018.

“La formula che abbiamo adottato – ha sottolineato Saitta – è stata condivisa da maggioranza e opposizione del Consiglio regionale e riguarda quel personale che lavora già da anni all’interno del servizio del 118 e che fino a oggi non è stato possibile assumere a tempo indeterminato. È stata impugnata perché il Ministero della Salute, riferendosi alla legge 135/2018, sostiene che per essere stabilizzati i medici avrebbero dovuto frequentare e superare, oltre al corso di Emergenza territoriale, anche quello triennale di Medicina generale. La loro stabilizzazione, però, non sarebbe andata in conflitto con chi ha sostenuto il corso triennale di Medicina generale perché i profili sono diversi”.

Il dibattito è stato aperto dalla consigliera Stefania Batzella (Moderati) che ha espresso “rabbia e rammarico” verso tale decisione, dal momento che “non si è mai visto nella storia della Repubblica impugnare una legge per stabilizzare dei lavoratori. È grave che questo sia stato fatto da un Governo che proclama di avere a cuore i temi del lavoro e dell’occupazione”.

Per Davide Bono (M5s), con l’articolo impugnato, la Regione “ha provato ad aggirare l’accordo collettivo nazionale sapendo già, probabilmente, di correre il rischio dell’impugnativa, dal momento che entrano in gioco competenze nazionali. Siamo disponibili a collaborare con l’Assessorato per rilanciare una norma concordata con il Ministero che permetta la stabilizzazione senza passare attraverso i tempi del Parlamento”.

Marco Grimaldi (Sel) ha stigmatizzato il comportamento del Governo, “che non ha avuto l’intelligenza di accogliere una proposta di buon senso come quella contenuta nella legge impugnata. Siamo disponibili a collaborare con la Giunta per risolvere il problema perché non vogliamo mettere a rischio la vita delle famiglie dei medici né il servizio offerto dal 118”.

Alfredo Monaco (Scelta civica) ha dichiarato di non essere mai stato “affezionato all’idea di sanatorie o sistemi che possano aiutare a bypassare le regole che esistono per altri. Credo però che il Governo avrebbe potuto sforzarsi per individuare una soluzione concertata per risolvere questo problema”.

Andrea Tronzano (Fi) – infine – ha chiesto all’assessore quali potrebbero essere le conseguenze se Giunta e Consiglio volessero assumersi la responsabilità di procedere comunque alla stabilizzazione.

“Non si tratta di un problema economico – ha risposto Saitta – ma normativo. Proporremo le nostre riflessioni alla Corte costituzionale e sono speranzoso che riusciremo a risolvere il problema”.
 

 

 

 

Comunicato Stampa Consiglio Regionale Piemonte - cdc

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore