/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 19 febbraio 2019, 10:45

Arrestata piromane mentre appicca il fuoco

Espletate le pratiche di rito nella serata di ieri la 47enne è stata tradotta nel carcere di Vercelli in attesa della direttissima.

Foto di repertorio

Foto di repertorio

E' stata presa in flagrante mentre stava appiccando il fuoco nella zona Case Sparse di Oropa. Si tratta di una 47enne residente nella valle di Oropa. E' successo ieri alle 14, probabilmente per un colpo di fortuna, quando i militari di Biella l'hanno colta sul fatto. I forestali, in collaborazione dei militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale e del Nucleo Radiomobile di Biella, sono immediatamente intervenuti bloccando la piromane e scongiurando l'incendio che avrebbe potuto essere di più vasta estensione. Espletate le pratiche di rito, nella serata di ieri, la 47enne è stata tradotta nel carcere di Vercelli in attesa del processo. Si apre così uno scenario che potrebbe portare ad ulteriori sviluppi: sono in corso infatti accertamenti investigativi per ogni singolo caso di incendio nei quali potrebbe essere coinvolta la biellese. La donna ora dovrà rispondere del reato ipotizzato di incendio boschivo doloso. 

Si ricorda che gli incendi boschivi costituiscono un grave problema per la provincia di Biella, sia per numero che per intensità ed estensione: molti ricorderanno il disastroso evento del novembre 2015, che portò ad una cappa di aria irrespirabile sulla città, con danni alle persone e a diverse attività produttive, oltre che all'ambiente. Per quell'incendio venne poi condannato un pastore, che aveva utilizzato l'arcaico sistema dell'abbruciamento delle stoppie per migliorare il pascolo, tecnica ormai desueta e che rischia di estendere le fiamme, ormai incontrollabili, ai boschi limitrofi, con danni incalcolabili. Oltre alla distruzione della vegetazione, ed ai costi economici ed umani per le operazioni di spegnimento, gli effetti negativi dell'incendio si protraggono per anni, poiché si innesca anche un sensibile deterioramento delle proprietà del suolo, che, in aree montane, diventa preda dell'erosione e viene irrimediabilmente degradato.

 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore